Figli naturali e legittimi: i diritti sono proprio gli stessi?

19 maggio 2011 
<p>Figli naturali e legittimi: i diritti sono proprio gli
stessi?</p>

Il figlio naturale ha gli stessi diritti, patrimoniali e non, del figlio legittimo. In maniera non esplicita, l'equiparazione tra figlio naturale e legittimo è stata sancita in primis dalla Costituzione, all'articolo 30, dal codice civile e successivamente ribadita sia dalla Corte costituzionale che dai giudici della Cassazione, per poi essere inserita qualche anno fa nella legge sull'affido condiviso.

A oggi, però, non c'è ancora una legge specifica che sancisca tale equiparazione. Infatti il disegno di legge, approvato circa un anno fa dal Consiglio dei ministri, non è stato ancora trasformato in legge.

 

Cristiana Ubaldi abita a Roma, ha due figli ed è una giornalista giuridica esperta di Diritto di famiglia. Vuoi farle una domanda? Scrivi a community@style.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Cara movida69, giusta affermazione: cercherò nelle prossime rubriche di approfondire di più l’argomento cercando di rispondere alle tue domande A presto Cristiana Ubaldi

movida69 68 mesi fa

... e poiché il disegno di legge non è stato ancora approvato non è proprio esattamente vero che figli naturali e figli legittimi godano degli stessi diritti. .. E forse qualche nota in più non ci starebbe male: qualche esempio? Che io sappia i figli naturali non hanno zii e cugini, possono essere liquidati in denaro in caso di successione, e le pratiche in caso di separazione dei genitori non sposati passano dal tribunale dei Minori e non da quello Civile. Ma magari non sono aggiornata. Mi / ci aggiorna? Grazie :)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).