La breve durata del matrimonio preclude al coniuge economicamente più debole il diritto all'assegno di mantenimento?

30 giugno 2011 
<p>La breve durata del matrimonio preclude al coniuge
economicamente più debole il diritto all'assegno di
mantenimento?</p>

Lo scopo dell'assegno di mantenimento è quello di far conservare al coniuge che non ha redditi adeguati lo stesso tenore di vita che godeva durante il matrimonio (articolo 156 c.c.), e tale scopo persiste anche quando il rapporto coniugale è durato poco.

Infatti la breve durata del matrimonio non preclude il riconoscimento del diritto (Cassazione 2818/2006), ma può incidere solamente ai fini della determinazione della misura (Cassazione 23378/2004).

Anzi: qualche anno fa, i Supremi giudici della cassazione (sentenza 2721/2009) hanno ulteriormente allargato la possibilità di concedere il mantenimento, anche qualora il matrimonio sia durato pochi giorni e non sia stato consumato. Infatti quello che conta è la differenza di reddito tra i coniugi e non la durata del matrimonio e dell'intimità.

 

Cristiana Ubaldi abita a Roma, ha due figli ed è una giornalista giuridica esperta di Diritto di famiglia. Vuoi farle una domanda? Scrivi a community@style.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).