Con l'affidamento condiviso a chi spetta la casa familiare?

21 settembre 2011 
<p>Con l'affidamento condiviso a chi spetta la casa familiare?</p>

Dal 2006 la custodia dei figli, in caso di separazione, è prioritariamente attribuita a entrambi i genitori.

La legge sull'affido condiviso (54/2006), infatti, ha voluto tutelare l'interesse primario della prole, che è quello di mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori.

In verità l'innovazione è più che altro di principio. Nella pratica, non è cambiato molto rispetto alla precedente normativa (affidamento a uno dei due coniugi), poiché i figli continuano a vivere per lo più con un solo genitore nella casa familiare, anche se di proprietà dell'altro coniuge.

Quindi, anche se entrambi i genitori esercitano la patria potestà sui figli, proprio per non sradicare questi ultimi dall'ambiente domestico in cui sono cresciuti - sballottandoli da una casa all'altra - il giudice, di norma, sceglierà il genitore con il quale i medesimi continueranno a vivere nella dimora di sempre.

 

Cristiana Ubaldi abita a Roma, ha due figli ed è una giornalista giuridica esperta di Diritto di famiglia. Vuoi farle una domanda? Scrivi a community@style.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
francesco 50 mesi fa

mia situazione analoga, con la differenza che abbiamo deciso di vendere per dividere ciò che abbiamo acquistato entrambi. una domanda... al momento della vendita, uno dei coniugi (il padre in questo caso), è tenuto a lasciare una parte della somma ricavata dalla vendita dell'alloggio per i figli oltre che al mantenimento? grazie

valeriano 62 mesi fa

..si spera che questa legge barbara e comunque inapplicata in molti casi venga presto modificata dal affido condiviso bis,che finalmente dovrebbe riequilibrare una situazione assurda e tipica italiana,ostaggio delle lobby avvocatesche

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).