Se l'ex è lontano e lei in Italia con i figli c'è l'affido esclusivo?

di Cristiana Ubaldi 

«Ho avviato da poco le pratiche per la separazione, mio marito, di nazionalità peruviana, vive in Australia ed io vivo con la nostra bambina qui in Italia, lui la bambina l'ha vista solo per un mese ed ora sporadicamente le telefona o parla con lei via skype. Nel nostro caso è alta la possibilità che la bambina venga affidata esclusivamente a me?»

Cristiana Ubaldi

Cristiana Ubaldi

Giornalista giuridicaScopri di piùLeggi tutti


foto Corbis Images

foto Corbis Images

Sono ormai cinque anni che l'unica forma di affidamento dei figli riconosciuta per legge, è quella dell'affido condiviso (legge 54/2006). Inoltre circa un anno fa i giudici (Cassazione 24526/2010) sono intervenuti stabilendo che tale forma di affidamento possa applicarsi anche quando i genitori vivano in Stati diversi ma, in quell'occasione, hanno anche aggiunto che "a tale regola può derogarsi ove la sua applicazione risulti pregiudizievole per l'interesse del minore, con la duplice conseguenza che l'eventuale pronuncia di affidamento esclusivo dovrà essere sorretta da una motivazione non solo più in positivo sulla idoneità del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneità educativa ovvero manifesta carenza dell'altro genitore"

(Al riguardo v. anche le domande - risposte  "La distanza tra i luoghi di residenza dei genitori separati, può essere un valido motivo per non concedere l'affidamento condiviso dei figli?"  del 26 luglio 2011 e "In quali casi non può essere applicato l'affidamento condiviso?" del 3 ottobre 2011).

Quindi, l'affidamento monogenitoriale è sì un'ipotesi residuale, ma potrà essere applicato dal giudice se, nel caso specifico, quest'ultimo riscontri circostanze tali da far ritenere contrario all'interesse del minore l'affidamento condiviso e, secondo la giurisprudenza, una circostanza ostativa all'applicazione di quello condiviso è proprio "la totale inadempienza all'obbligo di mantenimento dei figli e il discontinuo esercizio del diritto di visita" da parte di uno dei genitori (Cassazione 26587/09).

 

Cristiana Ubaldi abita a Roma, ha due figli ed è una giornalista giuridica esperta di Diritto di famiglia. Vuoi farle una domanda? Scrivi a community@style.it


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it