Affidamento familiare: quando e come

di Cristiana Ubaldi 

La nostra giornalista giuridica ci spiega cos'è l'affidamento familiare e che caratteristiche bisogna avere per diventare genitori affidatari

Cristiana Ubaldi

Cristiana Ubaldi

Giornalista giuridicaScopri di piùLeggi tutti


foto Corbis Images

foto Corbis Images

L'affidamento familiare è una soluzione temporanea (da alcuni mesi fino a un massimo di 2 anni prorogabili), per garantire al minore - che per un periodo di tempo prestabilito, deve essere allontanato dalla sua famiglia - affetto e protezione in attesa di risolvere le difficoltà che riguardano quest'ultima.

Tutti possono essere genitori affidatari: famiglie, coppie sposate o conviventi, con o senza figli, single, purché maggiorenni. La legge non stabilisce vincoli di età rispetto al bambino affidato né di reddito ma esprime solo una preferenza per le famiglie con figli minori (articolo 2 legge 184 del 4 maggio 1983, poi sostituito dalla Legge 149 del 28 marzo 2001). Vi sono però altri tipi di requisiti essenziali come, per esempio, la disponibilità affettiva e le capacità educative per accompagnare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un bambino o un ragazzo senza la pretesa di cambiarlo ma aiutandolo a sviluppare le sue potenzialità e valorizzando le sue risorse e, soprattutto, la consapevolezza della presenza e dell'importanza della famiglia d'origine nella vita del bambino.

Per candidarsi come genitori affidatari occorre rivolgersi ai servizi sociali territoriali di residenza e offrire la propria disponibilità e il proprio desiderio nel far parte di questo progetto. I servizi sociali territoriali effettueranno incontri e colloqui di conoscenza con le famiglie o con le singole persone disposte e disponibili all'affidamento, al fine di poter recuperare informazioni circa l'effettiva corrispondenza tra le caratteristiche e l'idoneità di tali persone e le caratteristiche del bambino bisognoso di cure morali affettive e materiali.

Si intraprenderà, così, un percorso di preparazione, che si concluderà con l'inserimento degli affidatari idonei in un apposito elenco ufficiale tenuto dal servizio sociale stesso. Naturalmente un affidamento ben riuscito richiede l'adesione e la collaborazione di tutta la famiglia.

 

Cristiana Ubaldi abita a Roma, ha due figli ed è una giornalista giuridica esperta di Diritto di famiglia. Vuoi farle una domanda? Scrivi a community@style.it

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Nichi Vendola e il suo compagno sono diventati papà

    Nichi Vendola e il suo compagno sono diventati papà