Ha battuto la testa!

di Luisa Lanzoni 

Il trauma cranico del bambino è un incidente frequente e nella maggior parte di casi, fortunatamente, un evento del tutto 'benigno'. Ma cosa si deve fare se accade?

Luisa Lanzoni

Luisa Lanzoni

Medico pediatraScopri di piùLeggi tutti


foto Corbis Images

foto Corbis Images

Il trauma cranico del bambino è un incidente frequente e nella maggior parte di casi, fortunatamente, un evento del tutto 'benigno'.

E' però necessario sapere quando un trauma cranico è meritevole di un approfondimento diagnostico mediante visita medico-pediatrica, visita che si svolge generalmente al pronto soccorso.

In primo luogo, QUALSIASI trauma cranico che occorra a un bimbo di età inferiore ai 6 mesi ( es. la classica caduta dal fasciatoio) prevede una visita urgente al pronto soccorso, così come le condizioni di caduta non chiare o non osservate, devono essere motivo di richiesta di valutazione medica urgente.

La perdita di coscienza, il vomito ripetuto dopo il trauma, la cefalea persistente, la comparsa di convulsioni,  la sede di impatto temporo-parietale o nucale, l'impatto contro oggetti spigolosi, la comparsa successiva di comportamenti atipici, l'osservazione di  pupille diseguali, lo  strabismo, l'eccessiva sonnolenza,l' iper-eccitazione, devono essere motivo di richiesta di valutazione clinica tempestiva.

Sui semplici 'bernoccoli' ghiaccio, gel di arnica, coccole e tranquillizzazione ( he tra l'altro permette ai genitori di osservare attentamente il loro bambino). Non gridate come pazzi, non perdete la testa ma agite il più tranquillamente possibile dicendo sempre al bambino' non è successo niente'…un bambino tranquillizzato è più facilmente valutabile, in primis dai genitori che lo conoscono.

E come forte consiglio pediatrico, ma anche di buon senso genitoriale, RICORDARE che i bambini vanno sempre GUARDATI e protetti dai pericoli…arrangiarsi non vuol dire imparare; cadere quando si è piccoli è normale, ma il trauma da caduta non genera futura memoria in un piccolo di pochi anni. Nei primi anni di vita questo tipo di 'esperienza' non è 'educativa', ossia non si tratta di errori che, una volta commessi, si impara a non commettere più!!


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it