Come spiegare il terremoto ai bambini

di Marco Vinicio Masoni 

Il nostro psicologo ci rammenta che dobbiamo pensare al messaggio che vogliamo arrivi ai più piccoli. Un messaggio che comprenda, possibilmente, informazione scientifica, formazione civica e una accettabile serenità d'animo.

Marco Vinicio Masoni

Marco Vinicio Masoni

PsicologoScopri di piùLeggi tutti


foto AP/LaPresse

foto AP/LaPresse

Nell'antichità, quando i terremoti erano spiegati con l'ira degli dei, credo che si raccontasse la stessa cosa ai bambini (non si deve minimamente credere però che nel mondo antico i bambini "contassero" come da noi).

Oggi, tempo nel quale crediamo che il divino non c'entri (ogni epoca interpreta , "costruisce", il mondo secondo la propria cultura e poi trova ovvio ciò che ha costruito, credendo di "scoprirlo"), oggi, dicevo, tempo nel quale si tende  a spiegare tutto con la "scienza", è difficile pensare che non si debba passare ai bambini la stessa spiegazione che ci diano noi (con parola adatte a loro), cioè che nel sottosuolo si formano nuovi equilibri fra masse enormi e che ogni spostamento, crollo sotterraneo, assestamento delle faglie, ecc. provoca il terremoto. Il problema vero però non è la spiegazione del fenomeno in sé, ma gli effetti che vogliamo ottenere con la spiegazione.

Qualche esempio: se volete instillare insicurezza e paura nel bambino ditegli, con seriosità scientifica, che il terremoto è imprevedibile,  può arrivare da un momento all'altro e può ammazzarci tutti. Se invece volete ottenere altro (poi vedremo cosa) fate come fece mio padre con me (già, mio padre, non i libri di psicologia). Mi spiegò che Milano era su terreno alluvionale e che quindi i terremoti vi arrivano "smorzati", perché la ghiaia e la sabbia che stanno sotto di noi attenuano le vibrazioni. 

Mi disse poi che in altre zone invece, chiamate zone sismiche, bisognava cautelarsi costruendo case a prova di terremoto e che  costruirle così  era obbligatorio, sennò si commetteva un reato.

E in questo modo passò in me,  avevo cinque anni e c'era appena stato un terremoto a Milano che aveva spostato il mio lettino, l'idea che il terremoto si potesse affrontare  preparati.

Ma anche l'idea, che venne messa a fuoco più tardi, che spesso i danni del terremoto sono dovuti, quando cadono case costruite da poco, all'ingordigia dei costruttori che non rispettano quelle  "regole  per le costruzioni antisismiche".

Niente dei, quindi, ma nemmeno - in una certa misura - niente fatalità. I capannoni emiliani insegnano, e anche di questo va detto ai bambini. In questo modo passeremmo informazione scientifica, formazione civica e una accettabile serenità d'animo nei nostri bambini.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Nichi Vendola e il suo compagno sono diventati papà

    Nichi Vendola e il suo compagno sono diventati papà