L'epidurale
sarà rimborsata

di Margot  Silva 

L'anestesia epidurale diventerà una prestazione garantita dal Servizio Sanitario Nazionale come previsto dal Decreto Balduzzi. Nei Lea anche 110 malattie rare e 5 patologie croniche

Margot  Silva

Margot  Silva

ContributorLeggi tutti


Foto: Corbis

Foto: Corbis

L'anestesia epidurale entrerà nei rimborsi garantiti dal Sistema Sanitario Nazionale come previsto dal decreto Balduzzi. Questo vuol dire che tutte le donne che dovranno sottoporsi a questo tipo di trattamento pre-parto, lo potranno fare gratuitamente in tutti gli ospedali d'Italia e a qualsiasi ora.

L'epidurale permette alla donna di essere sveglia durante il parto, ma di soffrire molto meno il dolore. Oggi viene utilizzata nel 15% dei casi, ma è offerta da solo 2 strutture pubbliche su 10 e con un numero di prestazioni giornaliere limitato.

Insieme all'epidurale entreranno a far parte dei Lea, i livelli essenziali di assistenza, anche 110 nuove malattie rare e 5 patologie croniche.

Per recuperare nuove risorse non saranno eliminate delle patologie già esistenti, ma si lavorerà sull'appropriatezza delle prestazioni. Un esempio? Il tunnel carpale e la cataratta non saranno più un servizio ospedaliero ma ambulatoriale. L'aggiornamento dei Lea dovrà essere effettuato entro il 31 dicembre.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it