Il suo primo bagnetto

di Francesca Favotto 

È nato da appena due settimane ed è già ora di affrontare una delle avventure più belle insieme: il suo primo bagnetto. Già, ma da che parte si comincia? Come si fa? Ecco una piccola guida per non sbagliare.

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Ci siamo, è nato: è lì tra le vostre braccia, al sicuro a casa vostra e la testa vi si affolla di domande. Sì, perché genitori non si nasce, ma si diventa e nessuno vi ha detto come si fa alle prese con un neonato. Per esempio, quando si fa il primo bagnetto, e soprattutto come? Sapete che i bebè sono delle creature molto delicate, ma non avete idea da dove iniziare. Ecco allora una piccola guida sul primo bagnetto, un momento molto bello e intimo che ricorderete per sempre, ma che ha regole ben precise, affinché sia un ricordo piacevole anche per vostro figlio.

Quando? Per fare il primo bagnetto al vostro bimbo, dovrete aspettare che cada il moncone ombelicale, e di solito succede dopo 10 - 15 giorni di vita. Prima è sconsigliato poiché l'acqua ostacola la corretta cicatrizzazione dei tessuti e potrebbe così causare infezioni o ritardare la caduta del moncone. Come fare quindi? Per i primi giorni di vita, si può lavarlo sotto l'acqua corrente a pezzi, ovvero prima i piedi, poi le gambe e infine il sederino, avendo cura che l'acqua sia della temperatura giusta.

Come? Una volta caduto il moncone, si può procedere con il primo bagnetto: bisogna procurarsi una vaschetta di plastica, le classiche tinozze, più facili da disinfettare, che va riempita per metà con acqua a 37°, da misurare con l'apposito termometro. La temperatura nella stanza invece non deve mai scendere sotto i 20°. Ricordatevi che i neonati sono davvero molto delicati: la loro cute non è ancora sviluppata, manca il film idrolipidico che difende la pelle da agenti esterni e soprattutto non ha le fibre di collagene ed elastina, che negli adulti rinforzano la cute. Per questo, nell'acqua va disciolto un detergente oleoso e vanno usati prodotti specifici. Una volta immerso il piccolino, ricordatevi sempre di sostenergli la testa con una mano e con l'altra lavatelo con delicatezza, anche la testa, ma avendo cura di non far scendere l'acqua negli occhi. Poi passate al dietro, lavandogli la schiena. Il tutto non deve durare più di dieci minuti, per evitare che la pelle si irriti e desquami.

E dopo? Il bebè va asciugato immediatamente, per evitare che prenda freddo, con un asciugamano di spugna morbida, tamponandolo e non frizionando la pelle. Prima di rivestirlo, ricordatevi di applicare una crema idratante.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it