MODA

Mamma Gwyneth (quasi) come noi

26 maggio 2011

Era la ragazza che non esagerava mai. La fidanzata perfetta: quella che, quando diventava ex, faceva sembrare le nuove una caduta di stile. Gwyneth Paltrow - l'aristobionda che dalle ginocchia di Steven Spielberg è arrivata al grande schermo senza sudarsi un provino - è stata negli anni un'icona di radical sciccheria made in Los Angeles. Accusata di essere algida e snob, contraddice tutti con le sue lacrime (per amore, per emozione, per la perdita del padre). Ma è quando diventa mamma (due volte, di Apple e di Moses) che compie il miracolo: l'esile Gwyneth non è affatto una diva irraggiungibile e distaccata, ma una madre severa, apprensiva, premurosa. E trasforma - con anni d'anticipo - la maternità devota in un fattore cool. Da Capitan Uncino alle ricette di cucina, la Gwyneth Story in dieci, elegantissime tappe

Steven Spielberg, amico di papà Bruce e accidentalmente regista di successo, la vuole nella commedia fantasy "Hook - Capitano Uncino", dove la 19enne Gwyneth è già Miss Perfettina nella parte di Wendy, l’amica di Peter Pan. Praticamente, un ruolo profetico: di lì in poi inanellerà una serie di (temporaneamente) eterni ragazzini.

E siccome recitare è pur sempre meglio che lavorare - e lei figlia d’arte: il padre è regista e produttore; la madre, Blythe Danner, è attrice - Paltrow è ben lieta di seguire le orme di famiglia

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).