ORGANIZZIAMOCI

Uno tira l'altro!

16 giugno 2011

Rosso, rosso, ancora rosso. Prima sono state le fragole, quelle finite nel risotto che, imbarazzato, si è tinto di un rosa accentuato. Poi è stata la volta dei dolci peso piuma, o quasi, che - presi dal morbillo - si sono colorati di macchioline rosso ciliegia. Complice un grosso cestino di ciliegie di Vignola, cupe e dolci, da mangiare in fretta, ché una tira l'altra. Ne sono nati diversi esperimenti: da un clafoutis aux cerises ai plumcake da pic-nic o merenda al parco, in formato monodose perfetti per i più piccoli

Da bambina ne andavo matta, ma più per quei fiori bianchi e la possibilità di farne orecchini danzanti, come frutto vincevano fragole e lamponi. In realtà le ciliegie, composte per l’80% di acqua, e quindi dal forte potere dissetante, sono ricche di vitamine A e C, sali minerali e flavonoidi, potenti antiossidanti e alleati della nostra pelle. Ed è proprio vero che coi bambini una tira l’altra: provate a cercare insieme i due frutti gemelli, quelli attaccati allo stesso picciolo, di sicuro per loro sarà ancora più divertente mangiarne.

Gli adepti sostengono che le ciliegie Durone di Vignola sono le migliori, perché più grosse e dolci, a meno che non siate appassionati di amarene.

Una nota a margine: pare, dagli ultimi studi scientifici, che le ciliegie favoriscano il sonno, come dire che - a mangiarne in grossa quantità - funzionano molto meglio di una tazza di tisana relax per i più piccoli. Un effetto collaterale non irrilevante, no?


(Foto Cevì by Il Cucchiaino di Alice)

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).