Manuela Cervetti: «Siamo tutte Mamme Acrobate»

di Francesca Amé 

Dopo la storia di Chiara Orlandini, architetto che ha aperto in campagna un b&b, di Federica Zagari, che dal mondo della finanza è passata a quello dei bambini, Sabrina Tassari, fondatrice della Grotta del Sale, Francesca Sanzo, blogger, Manuela Cervetti, mamma acrobata per definizione, ci racconta la sua storia.

Francesca Amé

Francesca Amé

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Manuela Cervetti

Manuela Cervetti

Nessun business plan, nessuna pianificazione, nessuna alta aspettativa: Mamme Acrobate www.mammeacrobate.com è nato solo da tanta passione, e in soli due anni ha fatto molta strada, molta più di quella che mi sarei aspettata.

Ma cominciamo dall'inizio: ho 34 anni, una figlia di 4 anni e mezzo (e sono in attesa di un'altra, che nascerà a febbraio) e un lavoro presso gli uffici di una nota università di Milano, dove organizzo corsi di formazione sulla comunicazione.

Appena nata mia figlia, capisco subito che il web diventa una risorsa preziosa per avere consigli, suggerimenti, chiacchiere. Su un forum incontro Laura Campagnoli, vecchia amica d'infanzia, che ha la mia età e due figli. A gennaio del 2010 decidiamo di creare un portale per dare opportunità alle mamme di incontrarsi, di raccontarsi, di confrontarsi.

Lavoravamo a tempo pieno, eravamo mamme, mogli, amiche e blogger di notte o nei tempi morti. Il nome perfetto è stato, fin da subito, Mamme Acrobate. In due anni il sito è diventato una sorta di community con lettrici fedeli, qualche sponsor ha cominciato a interessarsi a noi e abbiamo un gruppo di mamme che collaborano, pagate, ai contenuti del sito.

Un anno fa - non ci piace molto stare con le mani in mano - da una costola di Mamme Acrobate è nato il Paese delle mamme www.ilpaesedellemamme.com : un aggregatore di servizi sulla maternità e la prima infanzia che raccoglie in un grande database suddiviso per regione e provincia tutte le realtà che lavorano nel settore.

Abbiamo impiegato mesi per raccogliere tutto il materiale (circa un migliaio di contatti, compresi piccoli ma preziosissimi gruppi di auto-aiuto che magari non hanno nemmeno gli strumenti per comunicare ciò che fanno). Il web ha senso per una mamma se incide nella sua vita reale e con Il Paese delle Mamme siamo andate in questa direzione: indicare spazi concreti dove una neomamma può trovare sostegno per l'allattamento, lo svezzamento, i dubbi sui primi mesi, la depressione post-partum. Mamme Acrobate non si è ancora trasformato in un lavoro a tempo pieno per me e per Laura, nonostante ci dia anche soddisfazioni economiche: è la passione che ci sta guidando.

È quella che ci fa lavorare in pausa pranzo, la sera o il week-end, facendo mille acrobazie tra la famiglia e un lavoro a tempo pieno (che continuiamo a mantenere) da portare avanti. A una mamma che voglia mettersi in proprio o, come nel nostro caso, inventarsi un secondo lavoro (utile anche al bilancio familiare) consiglio di seguire sempre le proprie passioni e i propri interessi. Se si vogliono creare servizi per mamme, l'empatia è fondamentale e solo la pura passione sa crearla: le mamme sono bravissime a fiutarla, anche da lontano.


E tu, che ne pensi? Ti senti anche tu una mamma acrobata? Fai un secondo lavoro o ti sei messa in proprio per seguire una tua passione? Raccontaci la tua storia, scrivi a style.it o lascia un commento a questo articolo.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it