Storie di mamme: il fantastico mondo di Pucci

di Francesca Favotto 

Pucci Zagari è una mamma prima che un'artista e nel suo mondo favoloso dà vita a tante idee per e ispirate ai bambini. Scoprite insieme a noi questa "storia di mamma"!

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Colori vivi, tratti leggeri, buffi personaggi, volumi surreali... Questo è il mondo raccontato da Laura Zagari, in arte Pucci, illustratrice cresciuta artisticamente tra Italia e Inghilterra che nel 2013 ha dato vita a "I Disegni di Pucci", un portale e-commerce in cui raccoglie tutte le proprie creazioni.

Imprenditrice, artista, ma soprattutto mamma, idea e realizza quadretti per le camerette dei bambini, simpatici wallstickers, biglietti d'auguri e le tanto amate tovagliette americane, per rendere più piacevole il momento dei pasti. Ultima creazione: i Carnets des voyages, piccoli quaderni rilegati a mano in cui raccogliere idee, pensieri e ricordi delle vacanze. Il sito offre inoltre un efficace sistema di customizzazione che permette ai visitatori di personalizzare le proprie richieste scegliendo, per esempio, tema e colori.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Pucci, per scoprire un po' di più di lei e del suo fantastico mondo.

Chi è Pucci? "Pucci è una 'ragazza grande' ormai! Quarta di quattro figli, nata a Napoli, ma cresciuta 'artisticamente' a Londra, dove ho fatto l'università d'arte e il master in studi del design, qui ho lavorato per un periodo come assistente alla grafica a Mtv, un sogno diventato realtà! Poi mi son detta: o mi butto e provo a realizzarmi in ciò per cui ho studiato oppure abbandono l'illustrazione, così ho provato… e via! Ho pubblicato i miei primi libri: "L'Italiana in Algeri" per la casa editrice Archinto e "La cappella degli Scrovegni - un capolavoro spiegato ai bambini" per la Marsilio… un'emozione pazzesca! Dopo essere diventata mamma per la volta, mia sorella mi ha convocato per illustrare con dei murales un posto nuovo per bambini a Milano, il Kikolle Lab, con cui tuttora collaboro e dove tengo dei corsi. Poi è arrivata la mia seconda figlia e da allora ho pubblicato altri due libri come illustratrice, "I Riciclattoli" per Electa Mondadori, e mi sono trasferita a Milano con tutta la famiglia".

Che interessi hai? Hobby? "I miei interessi vanno dal design alla musica, dalla moda al fai da te. È bello poi quando tutti questi interessi comunicano e mi portano a visitare luoghi nuovi e interessanti. Cerco sempre di fare in modo che la curiosità sia più forte della mia pigrizia partenopea!".

Con due bambine come ti piace rilassarti? "Con le bimbe mi piace spesso andare al cinema. Adoro i film animati, soprattutto quelli della Pixar, e a Milano durante il fine settimana cerco di trovare appuntamenti adatti a loro, quando il tempo non permette un giro in bicicletta nel parco! Se sono disperata… un bel disegno da colorare le può intrattenere per un po'!".

Com'è nato I disegni di Pucci? Da che idea? "I disegni di Pucci sono nati un po' per caso facendo brainstorming il mio ufficio stampa. Avevo cominciato da poco a creare tovagliette americane plastificate con i miei disegni, da lì ci siamo messi a giocare un po' con il nome, le creazioni, il mondo… ed è venuto fuori: "I disegni di Pucci"! Sono Pucci da quando mio padre mi chiamava Pulce, perché sono sempre stata piccolina e da allora era impensabile identificarmi con qualsiasi altro nome. Tanto più che con il mio vero non mi chiama mai nessuno! Le tovagliette sono poi diventate quadri e quadretti, biglietti di auguri, murales… dai sogni di Pucci ai disegni di Pucci!".

Qual è il punto di forza del tuo portale? Cosa vi si può trovare dentro? "Il punto di forza probabilmente è l'immediatezza, l'allegria dei miei disegni. Non c'è nulla di artefatto, la semplicità dei tratti richiama l'ingenuità e la purezza dei giochi infantili. Questo si ritrova nelle tovagliette, adatte alla pappa come al gioco, perché facilissime da pulire, nei biglietti di auguri, nei quadri e negli ultimi nati, i "Carnets des voyages", quaderni piccoli adatti ai disegni e ai pensieri di viaggio. Tutto sempre personalizzabile".

Dal 16 settembre, ogni mercoledì pomeriggio alle 16.45, presso il centro polifunzionale Kikolle Lab, terrai un corso di bricolage per bambini: che cosa potranno imparare coloro che parteciperanno? "Guiderò i bimbi attraverso la creazione di progetti sempre nuovi con diverse tecniche e con due materiali principali: la carta e il legno. L'obiettivo è quello di esplorare, divertendosi, i diversi usi di questi splendidi materiali naturali, manipolarli e utilizzarli in maniera creativa e unica, rispettando i gusti e le abitudini di ciascun bambino, imparando così l'arte del DIY "do it yourself", sperando che la amino almeno quanto me!".

Prossimi obiettivi? Sogni nel cassetto? "Per il momento ho intenzione di concentrarmi sul corso di bricolage e sul suo successo, mi piacerebbe poi che i miei disegni diventassero una linea per bambini e carte da parati... chissà!".

Per maggiori informazioni: www.facebook.com/idisegnidipucci

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it