Se la scarpetta di cristallo è passata di moda

06 maggio 2011 
<p>Se la scarpetta di cristallo è passata di moda</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Dopo le nozze reali siamo reduci da un'overdose di tiare e paggetti, e scommetto che più di una - tra le vostre bimbe - ha ammirato le foto della bellissima Kate in abito bianco. La mia ha talmente interiorizzato la favola dei principi inglesi che ha ha preso a battezzare gli oggetti "Keit e Viliam". Due matite colorate erano Keit e Viliam. Due carote nel piatto? Keit e Viliam. Per fortuna non si è ricordata di Keit e Viliam mentre era sul vasino.

Eppure ho il dubbio che le principesse, che un tempo alimentavano i nostri giochi fino a otto o nove anni, ora siano relegate a un'immaginario con target massimo cinque anni, nello scaffale in basso accanto ai giochi prescolari. Nel frattempo, alle remissive damine in abito rosa si sono affiancati altri modelli.

Da una parte dobbiamo solo essere contente: dalle esploratrici alle atlete passando per delle semplici bambine come loro, le nuove eroine sono coraggiose, intelligenti, volitive e per nulla indifese.

Di contro, le stesse principesse si sono evolute: difficile trovarne una affacciata a una torre in attesa. Le nuove donzelle in coroncina e maniche a sbuffo vanno in guerra (Mulan) si salvano da sole (Fiona) sfidano le loro paure (Rapunzel) e presto, ne sono sicura, molleranno i principi all'altare. O a casa, a fare i babysitter. Tutto risolto? A-ehm, non proprio. A quanto mi raccontano le mamme delle bambine più grandi, basta il delicato passaggio dall'asilo alle elementari per essere bombardate di role models che definire preadolescenziali è riduttivo.

Chi di voi ricorda il momento della merenda durante la sua infanzia, quello con la pizza rossa e quei cartoon dove fatine e maghette si alternavano a Puffi e Pantere Rosa? Bene: oggi le bambine guardano i telefilm, dove le protagoniste sono tutte bravissime ragazze con innocenti aspirazioni artistiche. Però hanno quindici anni. Se continuiamo di questo passo, ho paura che la mia a nove anni mi chiederà il cofanetto di Sex and the City.

Forse il problema non è tanto accettare il fatto che le principesse classiche, che educavano a una certa remissività mista a buoni sentimenti, siano passate di moda per quasi tutte le bambine. Il problema sta nell'accettare il fatto che la fase "bambina" termina con le elementari. A sette anni, stivaletto ai piedi, telefilm alla tv e cellulare sulla lista dei regali di Natale, ci troviamo davanti a perfette preadolescenti.

Al riguardo, penso solo una cosa: A R G H.
E voi?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
eleonorap. 67 mesi fa

che taglio è verissimo! l'altro giorno porto alla figlia 10enne di una mia amica una collanina elastica di legno con i fiorellini colorati che avevo preso da HM bimbi (che era per me trall'altro!!!) e lei dopo avermi guardato come se fossi una pazza l'ha mollata alla sorella di due anni e mezzo! ahahahha! e....si anche lei con jeans stretto e stivaletti...azz!

Frà 67 mesi fa

Io le favole la sera gliele leggo! 7 anni, perfetto equilibrio nei giochi tra trattori, principesse, fango e trucchi. Si veste di rosa ogni giorno, ma poi le ginocchia sono sempre verdi di erba.

Jane 67 mesi fa

Mia figlia, 9 anni a luglio, ha avuto solo un episodio da classica femminuccia tutta zuccherini colorati e rose profumate la volta che affermo di voler diventare ballerina per trovare il principe azzurro(no, non ha mai visto Il principe e la ballerina con Marilyn Monroe) altrimenti si limitava ad allungare sproporzionatamente il nome con il suffisso di principessa. Lei è sempre stata LEI: femminile ma con carattere, vivace ma con pazienza, studiosa ed artista. Credo che ora lei potrebbe rientrare, se solo esistesse, nella categoria delle principesse che, sì, conosce un bel principe azzurro con un bel destriero e che tal principe le possa interessare solo per il tempo necessario di rubargli il cavallo lasciandolo appiedato!

Anna 67 mesi fa

Sono andata a Disneyland Paris con mio marito, di recente, portando ovviamente il Terremoto in pancia. Mi sono soffermata estasiata su tutti i costumi delle principesse che c'erano e mi sono sentita molto democratica quando ho detto "sceglierà lei quale principessa vorrà essere quando la porteremo qui!" L'idea di una aspirante fan di Justin Bieber mi ha appena demoralizzato da morire :(

Stéphanie 67 mesi fa

Ho paura che tu abbia ragione, e me ne dispiace un po. Per il momento la mia cucciola di 2 anni e mezzo è una principessa, anzi una "pessa", si chiama lei stessa cosi, e tutto quello che è rosa è suo, bicchieri, scarpe (orrende), vestitini e cosi via. Nessuno glielo ha insegnato (oh dio non credo!), è una vera bambina. Ma mia nipote di 10 anni, ormai il suo principe è Justin Bieber, e come dici tu, non guarda più ne cartone ne storie di principi e principesse, a meno che siano reali (Kate e William per esempio). Mi ricordo aver giocato con le bambole fino a 10 anni , ma è anche vero, che "ai nostri tempi" la televisione era meno presente, le mamme un po più mamme ( ormai saremo poche mamme ad avere il tempo e la voglia di leggere le favole la sera) e avevamo più spazio per giocare, immaginare e sognare di diventare principesse....

Marta 67 mesi fa

Nel caso di mia figlia, maschiaccio impenitente, la fase della preadolescenza è rimandata. Per ora (8 anni da compiere a luglio) disegna con immensa soddisfazione mostri e pirati e considera i maschi della classe i suoi compagni di wrestling. Il matrimonio reale l'ha interessata per una decina di secondi circa...poi magari mi si trasforma di colpo, ma per ora le cose stanno così ;-)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).