Che cos'è una matrigna?

09 giugno 2011 
<p>Che cos'è una matrigna?</p>

Cos'è una matrigna? Quella delle favole (cioè rigorosamente cattiva) o quella dei nostri giorni, donna andata in sorte a un uomo già dotato di prole e che quindi, tecnicamente, diventa matrigna ma non necessariamente malvagia?

Rossella Calabrò, moglie per scelta e matrigna per vocazione, nel suo blog Mogliastre riflette sul tempo di mezzo tra le favole e l'oggi, in un post che racconta di un libro ma anche (e soprattutto) delle matrigne di altri tempi.

Quelle che non si preoccupavano troppo di definire nomi e ruoli, ma alla bisogna allargavano le famiglie e le braccia, ad accogliere chi arrivava: «Figli, figliastri, figli adottivi, figli nascosti, figli di non si sa chi». Madri a volte di pancia e a volte di cuore, senza classifiche di preferenza né importanza per queste o per quelle.

Donne che a volte però - ed è bene ricordarlo per non cadere in una nostalgia tinta di rosa - accoglievano anche per rassegnazione o mancanza d'alternativa, per evitare lo scandalo e perché dire «no» era impossibile.

Ecco, nel pensare a quelle donne e alle donne che siamo diventate, vien da dire che forse dovremmo ritrovare quella leggerezza che non vuole dare nomi - madre, matrigna - finalmente consapevoli di poter essere madri per scelta, non più per obbligo né per destino. Se di pancia o di cuore, quello rimane un dettaglio.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Katia C. 66 mesi fa

Grazie a Barbara per il post e a Rossella per la bella recensione. é tempo che ci s'interroghi un po' tutti su cosa sia o sia stata la "famiglia tradizionale italiana"... una dimensione che all'atto pratico non è mai esistita, se non nella pubblicità.

Grazie per il bellissimo post, Barbara. Già che son qua, ricordo che il libro di cui parlo nel mio blog Mogliastre è "Pelle di fico" di Katia Ceccarelli, acquistabile on-line. Il mio ultimo libro, invece, è "Di matrigna ce n'è una sola", edito da Sonzogno. Due libri per chi volesse farsi una scorpacciata di mamme di pancia e mamme di cuore. ;-)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).