L'utero della madre trapiantato nella figlia

14 giugno 2011 
<p>L'utero della madre trapiantato nella figlia</p>

Il desiderio di diventare madre spesso spinge molte donne a compiere scelte radicali, che rischiano di mettere a repentaglio la loro salute o che lanciano interrogativi sulle implicazioni morali correlate a tali gesti. Ma nel caso di Eva Ottosson, una 56enne donna d'affari originaria di Nottingham, la questione è tanto di carattere medico quanto etico, visto che la signora ha deciso di far trapiantare il suo utero nel corpo della figlia Sara, affetta dalla sindrome di Mayer Rokitansky Kuster Hauser, come riporta il sito della BBC.

In altre parole, la ragazza, che vive a Stoccolma, è nata senza organi riproduttivi, ma con ovaie normali e funzionanti (quindi, in grado di ovulare): una condizione di cui non si conosce ancora la causa e che colpisce una persona su 5mila, che spesso (come nel caso di Sara) se ne rende conto solo da adolescente, in concomitanza con il mancato arrivo del mestruo. Se la rivoluzionaria operazione di trapianto avrà successo (è in programma per la prossima primavera a Goteborg), gli ovuli di Sara potranno essere fecondati usando lo sperma del suo fidanzato e poi impiantanti nel nuovo utero che, una volta portata a termine la gravidanza, con parto cesareo, verrà rimosso dall'addome della ragazza.

Ovviamente, l'implicazione morale di questo delicatissimo intervento (è la seconda volta che viene tentato, la prima fu nel 2000 in Arabia Saudita, ma dopo 99 giorni ci fu una crisi di rigetto e si dovette procedere alla rimozione dell'utero trapiantato) è evidente a tutti, visto che se Sara restasse incinta, farebbe crescere il suo bambino nello stesso utero da cui è nata lei 25 anni fa. Ma né la signora Ottosson né la figlia sembrano preoccuparsene. «Io e Sara siamo due persone molto razionali - ha spiegato la donna al Daily Telegraph - ed entrambe pensiamo "è solo un utero". A mia figlia l'utero serve molto più che a me e io sono il donatore migliore che possa avere».

«Non ho davvero pensato a questa cosa - ha sottolineato la ragazza - perché io sono un'insegnante di biologia e quell'utero per me è solo un organo come tanti altri. Casomai, quello che mi preoccupa di più è che mia madre debba sopportare un'operazione così delicata. Avere figli significherebbe tantissimo per me, ma al momento sto cercando di non farmi troppe illusioni per non restare delusa. Comunque, abbiamo anche pensato all'adozione e se il trapianto fallisse, allora procederemo per questa strada».

Comprensibile il desiderio di Sara di voler essere madre, ma fino a che punto la sua scelta si può condividere? In altre parole, tu lo faresti?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
paola 66 mesi fa

non so se lo farei. ma non vedo l'impatto etico della cosa: l'utero è solo un organo. ci sono genitori che si fanno espiantare un rene o una parte di fegato per donarlo al figlio e vengono (giustamente) elogiati: cosa c'è di "contro natura" in questo caso? gli ovuli sono della figlia, il seme del fidanzato, l'utero è solo un "contenitore". più seri sono gli aspetti tecnici dell'intervento, visto che la ragazza dovrebbe prendere medicinali antirigetto durante la gravidanza, che sarebbe quindi più rischiosa del normale.

elena1981 66 mesi fa

essere mamma e avere una vita che ti cresce dentro è la cosa più bella e inspiegabile che possa mai capitare ad una donna..io personalmente non so se avrei il coraggio di chiedere una cosa così a mia mamma..(fortunatamente non ne ho avuto bisogno visto che son mamma per la seconda volta da due mesi),pero'capisco la voglia di sara e non la condanno..da un lato pero'do ragione a calzo, ci son tantissimi bimbi negli orfanotrofi bisognosi di amore e di mamme e papà ma soprattutto amore!..se l'adozione non fosse così complicata...

domisun 66 mesi fa

troppo contro-natura..... e dice giusto calzo36: moltissimi bimbi senza genitori han bisogno di amore. se riuscirò ad avere un buon stipendio farebbe piacere anche a me adottare,oltre ad aver figli miei

calzo36 66 mesi fa

no nn lo farei...ci sono tanti bimbi parcheggiati in istituti,se è veramente amore che vogliamo dare ci sn loro che aspettano

anny 66 mesi fa

si si lo farei di corsa

Morgauzy 66 mesi fa

Mmm, non so. Se non fosse così devastante dal punto di vista fisico, forse sì.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).