Dormire? Sembra facile

05 luglio 2011 
<p>Dormire? Sembra facile</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Prendete la classica commedia americana, con una tipo Meg Ryan e un Tom Hanks qualsiasi: si lasciano, si riprendono, le rispettive famigliole che bisticciano e - a un certo punto - c'è la scena. Quella scena. Mamma e figlia (o figlio) che siedono sul lettino in un soffuso tripudio di baldacchini, adesivi alle pareti e storie di draghi e principesse. Il bacio della buonanotte e via. Sembra tutto così facile!

Dunque, lasciatemi ricordare quello che succede a me. Ore otto e quarantacinque: l'agognato momento della favola. Che si svolge più o meno così.


«Mamma, mi racconti una favola?»
«Va bene La Bella Addormentata
«No. Kella che mi ha raccontato zia!»
«Aaah. Hm. E qual è?»
«Quella del cane».
«Allora, c'era un cane che viveva in una casetta e…»
«Ma non è così! Viveva dentro y'bosco!»
«E aveva tanti amici…»
«Noo! Era solo! Mamma non la sai, eh? Eh?»

Beccata. Provo col libro. Leggo con la massima attenzione le quindici pagine di Cenerentola e, quando sono arrivata alla parola FINE la guardo. Occhi sbarrati.
«Mi racconti un'altra faavola…  dài mammina!»

Mammina è un colpo basso. Bassissimo. Cosa farebbe Meg Ryan se la sua tenera bimba chiedesse un'altra favola? Ma sì: riassumiamo un'altra storia. In trenta secondi netti Pinocchio è nato, il naso si è allungato e accorciato, è entrato e uscito dalla balena e diventato un bambino vero. Ok. Sembra che lei sia finalmente crollata. Faccio i tre passi che mi separano dalla porta e, appena li varco, la sento:
«Ma kesta favola era corta!»
«Amore, ora stai qui e fai come le bimbe grandi: dormi da sola!»
«Va bene».


Faccio altri tre passi.
«Mamma… akkua! Ti preeego, ho taaanta sete».
E vado con l'acqua.
Torno verso il salotto e.
«Mamma… la majetta!»
(il suo oggetto transizionale)
E cercala e portala.
Sono pronta a lanciarmi a peso morto sul divano quando.
«Mamma… shpegni quella luce?»
Luce spenta.

«Mamma…»
«Sììì?»
«Ah, ci sei».
«Sono qui».
«Ah».

Sono pronta per spiaggiarmi definitivamente davanti a un telefilm (che nel frattempo è a metà perché sono le dieci). Assumo la posizione più comoda che conosco sul divano, pronta a restarci almeno per un'ora, e inizio a gustarmi la puntata. Che bello: sono arrivata proprio nel momento in cui i protagonisti stanno per dichiararsi e…

«Mamma!»
«Eeeeeeh».
«Pipìììì…»
E non era proprio una richiesta.

Risultato: nel tempo in cui Meg Ryan avrebbe addormentato la figlia, brieffato la tata o la sorella, infilato un paio di stiletto e rimorchiato un Tom Hanks qualsiasi al locale vicino casa, io ho totalizzato un punteggio pari a zero. La Porpi è sveglia come un grillo e annuncia: «Ke bel film shtai guardando? Possiamo vedello insieme?»


E voi, che metodi usate o avete usato per addormentare i vostri bimbi di due-tre anni? Erano del tipo "chiudo la saracinesca e buonanotte" o modello "potrei fare un rave party" come la Polpetta?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
L'amica cinica 65 mesi fa

Ehi ma a due tre anni é ora di fare il secondo, che aspetti?

lalla 65 mesi fa

ma..... fin da quando è nata (allattamento a parte)... il papà ha il suo buon 50% di messe a nanna!!!!! provate care mamme.... una notte voi e una i papà!!!! come prendersi una serata di libertà!!!

lalla 65 mesi fa

della serie.... pipì fatta, acqua a portata di mano, luci accesa.... quattro (e dico ben quattro) libretti letti: mamma... adesso leggo io... è per te, per la tua buona notte! e che gli dici? a questi due occhioni che ti guardano con un sorriso effetto specchio del tuo viso? va bene tesoro... ma solo uno! no due! va bene questi due.... dai su leggi! allola... cela una volta..... ehm ehm... aspetta che la leggo.... ma la pipì l'hai fatta mamma? etc etc etc.... ok... siamo tutte nella stassa barca!!!

BiancaLatte 65 mesi fa

Più o meno è così anche per me: innanzitutto la storia infinita inizia da quando la ciucciola deve lavarsi/fare pipì/infilarsi nel pigiama....poi si parte, lei che, pur essendo alta un metro e tre tappi, occupa la maggior parte del letto a una piazza e mezza e io schiacciata tra lei e la sbarra per non farla cadere....sotto le coperte amore, adesso chiudi gli occhi e fai la nanna che sei tanto stanca....voglio un peluches, prendi il peluches, voglio DIRE UNA COSA A PAPA'...e dì la cosa a papà...poi torna a letto ed esclama: ho sete!e io che sono già mezza addormentata: dillo a papà....PAPAAAAAAAAAAAAAAAA'!!!!!????Lui entra armato di biberon con succo all'ananas (sì lo so è strano) e sparisce con disinvoltura...maledetto, sta cominciando il film e tu stai li spaparanzato sul divano mentre io sono qui a cantilenare ninna nanna mamma insalata non ce n'è....poi però una volta che parte è difficile che si svegli...Dio esiste.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).