Gran Bretagna, ora il figlio si vince alla lotteria

06 luglio 2011 
<p>Gran Bretagna, ora il figlio si vince alla lotteria</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Partirà il 30 luglio in Inghilterra la prima lotteria al mondo dove il premio in palio è un bambino. O meglio, 25mila sterline per sottoporsi a un ciclo di trattamenti di fertilità in una delle cliniche specializzate del paese.

Per partecipare al controverso gioco a premi basterà comprare un biglietto online da 20 sterline (alla lotteria sono ammesse non solo le coppie ma anche i single, i gay e perfino gli anziani, che saranno poi invitati a cedere la vincita a parenti o amici) e i proventi andranno alla charity To Hatch, che fornisce supporto online alle coppie senza figli.

I vincitori verranno alloggiati in un hotel di lusso, e verrà loro fornito un autista per gli spostamenti alla clinica e un telefono cellulare per rimanere in costante contatto coi medici durante il trattamento.

Se la fecondazione in vitro non dovesse funzionare, potrà essere sostituita da altre tecniche (come l'ovodonazione, o la gravidanza surrogata), anche se toccherà ai dottori della clinica stabilire le procedure attuabili per ottenere la gravidanza.

In altre parole: se a vincere sarà una donna di oltre 45 anni (il limite indicato dalla legge inglese per la terapia in vitro) o magari single o persino un uomo, i medici potranno suggerire altri sistemi di concepimento.

Inizialmente l'estrazione vincente sarà una volta al mese ma, se l'iniziativa dovesse piacere al pubblico, si sta già pensando di ripeterla ogni due settimane.

E mentre la responsabile della charity, Camille Strachan, difende la lotteria giudicandola «un ottimo sistema per aiutare il servizio sanitario nazionale ad offrire il trattamento in vitro alle coppie che vogliono un figlio», i gruppi cattolici sollevano obiezioni di matura etica sulla lotteria.

«Questo gioco svilisce la natura stessa della riproduzione umana - sottolinea Josephine Quintavalle del gruppo Comment on Reproductive Ethics - perché il concepimento non può essere ridotto ad una lotteria pubblica. Anziché pensare ad un'idea del genere, non sarebbe meglio spendere quei soldi nella ricerca?». Ma ormai la Gambling Commission di Londra ha dato il via libera.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sweetelsa 65 mesi fa

ASSURDO TUTTO CIO'.

BiancaLatte 65 mesi fa

Ma davvero non c'è più limite al peggio!!Innanzitutto non è rivolto solo alle coppie come ha affermato tale Sig.ra Strachan ma sono menzionati anche single e anziani!!Credo che ogni bambino abbia il diritto di nascere e crescere con un padre ed una madre, come è giusto che sia....e poi finiremo come la Sig.ra che ha vinto il Guinnes Word record per essere la signora più anziana del mondo, e già in menopausa (dico, cosa c'è di più innaturale di questo??) ad avere avuto figli (si parla di una gravidanza sopra i 60 se non ricordo male...).Altro che ottimo sistema di aiuto!Andrebbero posti dei limiti, aldilà della religione, condordo con Giovanna!

Giovanna 65 mesi fa

A volte penso abbia ragione la Montalcini che dice che l'essere umano è un ERRORE GENETICO e penso che abbiano ragione i grandi indiani quando dicono che procreare è inutile e dannoso...tanto la maggioranza sarebbe non all'altezza...questione di karma BENE allora quest'umanità intera ha davvero un bruttisssimo KARMA e sta continuando a declinare sempre più senza averne la minima coscienza e non si tratta di religione MA DI BUON SENSO!

Paola 65 mesi fa

Visto che ci siamo io proporrei anche una bella vendita all'asta di organi per tutti quelli che aspettano da anni un trapianto.

Giovanna 65 mesi fa

quale orrore

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).