Primi amori, primi dolori

25 luglio 2011 
<p>Primi amori, primi dolori</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La sera del suo decimo compleanno, Erika venne da me tutta emozionata ad annunciarmi che lei e Luca si erano baciati. «Sulle labbra, mamma!» - specificò in un sussurro, per essere ben sicura che avessi capito di che bacio si trattava.

Spiazzata - come sempre mi sento quando mia figlia mi mette di fronte alle sue esperienze da ragazzina in crescita - ripensai al mio primo bacio, dato in condivisione con la mia migliore amica.

Ci piaceva lo stesso ragazzo. Lui, condiscendente, baciò entrambe, notò che indossavamo lo stesso gloss alla ciliegia e - trovando la cosa vagamente morbosa - ci lasciò subito.

La prima cotta di Erika ebbe vita altrettanto breve: il giorno successivo, Luca baciò molte altre ragazzine. Erika per qualche tempo gli inviò messaggi imbarazzanti scritti in ragazzinese («Ti amuuu!! Ci fida???»), corredati di cuori e lasciati casualmente nello zaino di lui. Dopodiché passò oltre.

Fino allo scorso anno, quando la ragazza ha affrontato il vero primo amore per un ragazzino della sua classe, alto la metà di lei e con espressione dolce da Bambi. Per qualche mese Erika è andata a scuola con il sorriso.

Dopo i compiti, si preoccupava di aggiornare il suo profilo Facebook con foto di loro due abbracciati scattate dai compagni di classe. Erano foto tenerissime, sembravano i fidanzatini di Peynet (lui aveva anche la stessa cofana).

Una volta li ho sorpresi abbracciati dietro il muro della scuola: «Guarda che dopo me la devi sposare - ho gridato per metterlo in imbarazzo, ricevendo in risposta una risata e il pollice all'insù.

Ogni mese, Erika e Paolo hanno festeggiato il loro mesiversario con scambio di peluche e dichiarazioni di reciproco amore. Fino alla fine dell'anno scolastico, quando lui s'è reso conto che gli amici del calcio erano di gran lunga più divertenti di una ragazzina interessata alla moda e alla ginnastica ritmica.

Tragedia.

Per una settimana Erika ha vagato per casa in stato di trance e con gli occhi rossi. «Capisci, mamma? Mi ha corteggiato in tutti i modi e io non volevo saperne di lui, poi ci siamo messi assieme e quando mi sono innamorata, mi ha lasciato!».

Ma questo è un grande classico, tesoro mio, questo è un esantema sentimentale dopo il quale sviluppi anticorpi grossi così. Ogni donna al mondo ne ha almeno uno nel curriculum. Lascia perdere la saga di Twilight e leggiti Anna Karenina, invece!

Adesso la ragazza sembra di nuovo in pista. Da un po' di tempo la vedo perennemente preoccupata di avere t-shirt e capelli stirati, e l'ho vista salutare saltellando entusiasta l'arrivo di un tizio che sembra fatto apposta per lei: è più grande di qualche anno, non si spreca in sorrisi, parla solo se necessario. E soprattutto: la suocera lo odia di già.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
ViolaD 64 mesi fa

Ahahahahha, bellissimo articolo! Cara Rossella!Ho un figlio di 9 anni, alto quanto un 11-enne.Queste vacanze, si è invaghito alla figlia di amici nostri, una 13-enne spigliata e intelligente ....che ti dico, vederli insieme in tutto e per tutto (dovevano anche dormire alla stessa ora?!!), uno spasso continuo....(guai a ridere in faccia a loro però!) Ho confessato al'amica, una certa gelosia che l'attenzione di mio figlio non era più alle coccole della mamma, la prima volta, ma superato questo, adesso ci si vede ogni sera il cartoon che piace a lei, (ancora il termine fidanzata non ci sta:-))))....

barbara 65 mesi fa

io. non sono. pronta. :-)

nadia 65 mesi fa

non so se mi diverto più a leggere l'articolo o i commenti, veramente fantastico, serve quantomeno a prendersi un po' meno sul serio e a ragionare sul fatto che i propri problemi non sono poi da marziani ma che anche altri/e ci combattono quotidianamente grazie

silvana 65 mesi fa

Beh, vedo che pian piano stai passando dalla parte delle sòcere. Non hai la minima idea di cosa ti aspetta. Il peggio deve ancora venire... Firmato: Silvana, una nonna che ne ha viste di tutti i colori (e di tutte le nazionalità)

Geppo 65 mesi fa

mi hai fatto ridere tantissimo! Questi ragazzini sanno gia' come comportarsi nella vita, mica come noi alla loro eta', quando il massimo della seduzione era fare i salti mortali in mezzo alla strada sperando di essere notate!! E di non essere investite da macchine o trattori di sorta!

Miuccia Fraida 65 mesi fa

Il mio undicenne ha detto che aspetta di togliere l'apparecchio prima di lanciarsi a baciare la ragazzina del suo cuore. 'Ci vogliono almeno altri 2 anni' gli ho risposto e lui :"aspetterà". Si certo. Prevedo tragedie.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).