Baby Facebook

26 luglio 2011 
<p>Baby Facebook</p>
PHOTO GETTY IMAGES

È più forte di noi: loro sono bellissimi, dolci, buffi. E noi vogliamo mostrarli a tutti. C'è una certa dose di esibizionismo e compiacimento nel mettere online le foto dei propri figli, ma anche di sincero spirito di condivisione con amici e parenti, di spontaneità, di innocenza

Facebook è pieno di foto di bambini sorridenti, che dormono, che mangiano, che ridono, che fanno il bagnetto. Foto che vengono viste e apprezzate, condivise, commentate, girano di profilo in profilo, ti appaiono in bacheca solo perché un amico ci ha scritto sotto «com'è cresciuto!».

Le impostazioni di privacy sono un optional sconosciuto alla maggior parte degli avventori dei social network, ed ecco che io - che non ho davvero la più pallida idea di chi sia Maria Rossi - posso vedere le foto del suo parto. Del primo compleanno di suo figlio. Della sua prima pedalata in bicicletta. Succede continuamente, di trovarci in bacheca contenuti rispetto ai quali ci sentiamo quasi dei voyeur.

Oggi è normale, anzi: sembra strano il contrario. Mettere la foto su Facebook è la seconda cosa che fanno molti padri (e madri) dopo aver tenuto in braccio il loro bambino per la prima volta. Regalano la sua immagine a una rete che, ormai, sembra un luogo tanto più familiare quanto più siamo connessi con amici e conoscenti. Che a loro volta sono connessi con amici e conoscenti. Che a loro volta…

Insomma, una familiarissima rete di milioni di sconosciuti.

Forse è giusto, amplificare la nostra soddisfazione e la nostra gioia di crescere un bambino - il nostro! Bellissimo! Meraviglioso! Con quel musetto! - condividendola con chi conosciamo. È fantastico sapere che la nonna, che magari vive in un altra regione, o Paese, può seguirne i progressi e i sorrisi grazie a un semplice clic. Ed è anche inutile negare che, se i social network sono fatti per condividere la nostra vita, non possiamo mica escludere i nostri bambini.

Ma c'è una cosa che mi hanno insegnato, e cioè che la rete non cancella. Non conosce oblio, nel bene e nel male. E come sarà il domani? Saremo ancora tutti così sereni e tranquilli riguardo alla nostra privacy, condivideremo foto, video, link stupidi, spostamenti e dati sui social network al pari di oggi? È altamente probabile.

Nel remoto dubbio che così non fosse, però, saremo davanti a una generazione di ragazzi che troveranno online tutta la loro vita in fotografia, compresi sederini bianchi sulla spiaggia, primi bagnetti, sgraziata acne adolescenziale, foto di gruppo in gita coi cugini in marsupio e calzini bianchi. E forse l'unica spiegazione che potranno sentire - un po' deboluccia a dire il vero - sarà: «Lo facevano tutti».

Bisognerebbe forse restituire, a questi neonati spalmati sulle bacheche di tutto il mondo, il diritto di scegliere se apparire oppure no. Da esercitare liberamente una volta cresciuti. Ma non credo riusciremo a resistere.

E voi, pubblicate o no le foto dei vostri figli sui social network? Se lo fate, avete impostazioni di privacy particolarmente rigide o no?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
missmelly 64 mesi fa

Io sarei ben felice se mia madre o mio padre aessero conservato, online o su carta, tanti dettagli e ricordi di quand'ero piccola. Sarebbe meraviglioso rileggere quegli scritti, riguardare quelle foto, sorridere ai commenti di amici e parenti, sapere esattamente quando ho messo il primo dente, quando ho imparato ad andare in bici, ecc. Perché mai dovrei esserne imbarazzata o infastidita? Perché é online? E allora? Secondo me se ne fa una polemica inutile, i nostri figli avranno semplicemente una memoria in più da cui attingere. ;) ps: io su fb ho filtri per tutto, anche per lo status, non solo per le foto che possono essere viste solo da alcune persoone tra i miei contatti.

marina 65 mesi fa

appunto, ho giusto messo ieri la foto della mia bimba sul water con babbo seminudo vicino. Che fa il paio con l'autoscatto incinta praticamente nuda. Sai che c'è? Che a me della privacy non me è mai importato molto. Per non parlare del senso del pudore che manca da una vita. Francamente non riesco neanche a capire chi ne è ossessionato. Mi dite che male faccio?

elisabetta 65 mesi fa

tanto non lo capiscono. glielo dici, di non postare le foto dei bambini, e passi per pazza. maniaca ossessiva. fissata. finché i figli cresceranno e -si spera- gli faranno un c... così.

babuska 65 mesi fa

Io pubblico su Fb, ma con impostazioni super rigide. E sul blog, magari le mani pasticciate di cibarie... Ma a chi dice "tanto non le vede nessuno" rispondo di controllare i nomi delle foto che pubblicano. Google indicizza tutto e chi cerca per immagini vi stana comunque.

bianca 65 mesi fa

Diciamo anche che c'è una differenza tra la foto sporadica appena è nato, e magari ogni tanto qualche immagine buffa, e i genitori che su fb hanno album interi che documentano quasi ogni giorno di vita del figlio. In quel caso non solo è rischioso, ma è esagerato e questo bisogno di mostrare qualsiasi cosa fa il figlio per me è qualcosa su cui riflettere. Io mi pongo il problema della privacy anche per i contenuti dei blog. Spesso sono quasi anonimi e i bambini godono di vera privacy, ma quelli più famosi sono riconoscibili, io non so se sarei stata così felice di sapere che mia madre dava in pasto a chiunque le mie gesta dei primi anni di vita.

Francesca 65 mesi fa

Penso che "il giusto sta nel mezzo". I social Network ci sono, e sta a noi decidere se usarli o meno Personalmente io su FB ho TUTTO rigidamente impostato per una privacy massima: solo io decido chi deve vedere cosa. E apprezzo ancora di più google plus che, con il concetto delle cerchie, ha reso questa scelta ancora più modulare e stringente. Ovviamente poi è diritto di ognuno scegliere se usare un mezzo o meno. Ma se si opta per il sì allora BISOGNA saperli usare e non sempre questo accade (però poi ci si lamenta che i social network "violano la nostra privaci"...). Poi c'è da dire un'altra cosa: ok foto ma no spam. Anche perchè magari i nostri amici, pur apprezzando il nostro nano, potrebbero anche rompersi dell'ennesima foto o del centesimo video di inutili gorgheggi postato da noi ;)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).