Quando le figlie fanno moda. Per le madri

26 luglio 2011 
<p>Quando le figlie fanno moda. Per le madri</p>
PHOTO SPLASH NEWS

C'erano una volta le ragazzine che frugavano nell'armadio della mamma per rubarle qualche vestito. Oggi, invece, succede l'esatto contrario, ovvero sono le mamme a prendere l'ispirazione modaiola dalle figlie. E non solo per i vestiti, ma anche per il trucco.

Ma le figlie non sembrano gradire molto questa volontà di emulazione da parte delle loro fin troppo giovanili genitrici, tanto da essere ribattezzarle mamme 20-40 (espressione non esattamente complimentosa, che descrive le quarantenni che si vestono come se avessero vent'anni).

Quella che finora sembrava solo una nuova scorciatoia di moda per mamme super impegnate (e quindi con poco tempo per districarsi fra famiglia, lavoro e guardaroba), trova oggi la conferma scientifica. Merito della ricerca Mothers have a stronger tendency to mimic their daughters' consumption behavior than vice versa (La tendenza all'emulazione dei consumi è più forte da parte delle madri nei confronti delle figlie che viceversa), condotta da un team della Temple University Fox School of Businessdi Philadelphia e pubblicata sul Journal of Consumer Behavior.

Lo studio ha seguito i comportamenti di 343 coppie madri-figlie (le prime con un'età media di 44 anni e le seconde di 16), scoprendo come queste ultime abbiano una notevole influenza su abiti e trucchi acquistati dalle più attempate genitrici, in cerca di dritte di moda.

«L'impatto delle figlie sulle madri è molto più profondo di quanto si ritenesse» - ha spiegato Ayalla A. Ruvio, a capo dell'equipe di ricercatori. «Questa scoperta fornisce un valido supporto al concetto di socializzazione al contrario, dove le madri copiano intenzionalmente le figlie, perché si sentono giovani come loro e le vedono come esperte di moda, imitandone i comportamenti anche per quanto riguarda gli acquisti, mentre le figlie, per quanto si sentano più grandi della loro età, è assai meno probabile vedano le madri come modelli, e appaiono, invece, decisamente più indipendenti e sicure delle loro stile».

 

(Nella foto, Pippa e Carole Middleton).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
missmelly 64 mesi fa

Ed ecco svelato il perché di certe donne anche 50enni che si vestono come 20-30enni! Patetiche!

ritacansino 65 mesi fa

Le donne dai 40 in su sentono troppo la competizione con le + giovani e perdono in sicurezza di stile. Nello specifico la madre è ben vestita x la sua età, mentre è la figlia a vestirsi in modo inadeguato (troppo ageè). A qualsiasi età dobbiamo sentirci sicure nei nostri panni, perchè ad imitare la mamma o la figlia si scade nel ridicolo. W la Deneuve che il suo stile personale e lo aggiusta ogni tot anni.

Però a parte questa foto si tratta di personaggi famosi che abitualmente vestono abiti griffati nella vita comune per la strada trovo ci sia una immensa differenza da come si veste una ragazzin a di 16 e anni e una donna di 45 la prima predilige micro short in jeans pantaloni e sneakers la seconda esce al pomeriggio con tacchi altissimi e se sono mini abiti li vuole in seta C'è un abisso

Questo non è lo stesso vestito Mi piace molto di più quello della figlia più semplice e corto Ma anche la mamma elegantissima Io non ho figli ma penso che un abito non abbia età Un abito se è bello è ben indossato va dai 14 ai 75 anni Dipende la classe e il fisico di chi lo indossa

Rossella 65 mesi fa

Ma quanto è vero! Io di anni ne ho 45, mia figlia dodici e mai e poi mai potrei vestirmi come lei. Però la ragazza ha uno stile così definito, sicuro e "pulito" che mi è d'ispirazione (fa shopping con le amiche: ad inizio stagione vanno in spedizione nelle grandi catene tipo Zara, Bershka, e tornano cariche di pacchi. Le invidio molto). Confesso d'avere un paio di camicie che ho acquistato dopo averle viste addosso a lei.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).