Buoni propositi per l'anno nuovo

29 agosto 2011 
<p>Buoni propositi per l'anno nuovo</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

È risaputo: l'anno termina il 31 agosto. San Silvestro è solo una convenzione sociale, una data sul calendario. È adesso che si pianifica l'anno che verrà, che si acquistano le agendine e si fissano le priorità cui attenersi quando il gioco si farà duro (cioè tra un paio di settimane, al massimo).

Sotto l'ombrellone tutto pare possibile: arrivare puntuali all'ingresso della scuola; andare a letto a un'ora decente; smetterla con gli alcolici (vabbè, dai: limitarli).

Spaparanzata sulla sabbia, accarezzata dalla brezza marina, ho elaborato la mia lista di buoni propositi cui mi atterrò a partire da settembre.

Non solo mi iscriverò in palestra, ma la frequenterò persino. Si, lo so che lo dico tutti gli anni, ma questa volta è vero.

Attaccherò i menù scolastici sullo sportello del frigorifero in modo sapere sempre cosa hanno mangiato a scuola i ragazzi, e preparare per cena piatti differenti.

Non solo: cucinerò le pietanze in anticipo e le surgelerò, in modo da evitare corse dell'ultimo minuto, e dunque: mai più McDrive per cena!

Comprerò ai saldi solo quello che mi serve. Basta con gli abiti presi l'anno prima, accecata dall'affare, che appaiono imbarazzanti l'anno successivo.

Non permetterò mai più al parrucchiere di dirmi che ho il 25% di capelli bianchi.

D'altronde, non dirò mai più al parrucchiere: faccia lei.

Parteciperò alla vita sociale della scuola. Sarò parte attiva del crocchio di genitori e saprò esattamente che compiti ci sono dal fare per il giorno dopo.

Pagherò le bollette prima della scadenza.

Uscirò da casa in orario, senza più correre su due ruote per arrivare appena prima della chiusura (della scuola, degli uffici, del supermercato).

Smetterò di rubare la Nutella ai ragazzi. Ma non le caramelle alla menta.

Riprenderò a leggere la sera.

Imparerò a cucinare l'arrosto di mia madre e le cupcakes di Raffaella. E anche lo sformato di spinaci, già che ci sono. E i fantasmini fatti di spumiglia con gli occhietti al cioccolato da presentare per la festa di Halloween (che non sembra, ma è dietro l'angolo).

Ma soprattutto: la smetterò di sentirmi in colpa. Per cosa ancora non lo so, ma un motivo per sentirmi in colpa lo trovo di sicuro. E se proprio non lo trovo io, ci pensano le figlie.

(Una raccomandazione finale ai signori che pubblicano le agende: fatele uscire adesso anziché a dicembre. Non posso continuare a segnare gli appuntamenti sul diario scolastico).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Rossella 63 mesi fa

Ma sai Mammatitta che ieri sera, incontrando i genitori dei compagni di classe della secondogenita, tante persone mi hanno detto la stessa cosa? Siamo all'8 di settembre e siamo stremati. Una mamma si persino messa a piangere (non esagero). Non si può vivere così. Ci deve essere qualcosa di sbagliato se al rientro GIA' ci sentiamo così. Io meglio che taccia. E' stato un brutto rientro, e tutto l'entusiasmo di quando ho scritto il post se ne è andato.

mammatitta 63 mesi fa

Io sono tornata dal mare più sfinita di inizio estate. Ieri ho passato tre ore a foderare soltanto un terzo dei libri di terza media del grande, poi giù a sostituire il ricamo del nome sul grebiule dell'asilo del piccolo. Ho una torre di panni da stirare e una merenda in giardino da organizzare per sabato (non ne ho alcuna voglia, ma il piccolo mi ha massacrato fino a che non ho ceduto). La casa "è retta" dalla polvere. Dormo sempre di meno e ieri oltre l'una e trenta mi sono fatta una camomilla e ho guardato cartoni, ma niente sonno... La mia schiena grida vendetta, ma so che nanche quest'anno mi iscirverò in palestra. VORREI ESSERE NATA ORSO PER PASSARE I MESI INVERNALI IN LETARGO!!!

Rossella 64 mesi fa

Ma io sono una ragazza di campagna, Becky: a gennaio ho allestito un calendario che lasciava tanto spazio per scrivere appunti & appuntamenti, con tanto di penna appesa affianco per non avere neanche l'alibi di non trovare con che cosa scriverli. L'ho mollato a metà febbraio. Ok mi hai convinto, proverò outlook.

Becky 64 mesi fa

L'alternativa è salvarsi tutto sul calendario di outlook. E poi ricordarsi di stamparlo ogni venerdì. Panico.

nadia 64 mesi fa

che sei vecchia si evince dal fatto che scompari e ricompari quando ormai siamo gia in linea con Chi l'ha visto. fantastiche le foto, ma vi preferisco scalpitanti, nei buono propositi non parli di pizza se vuoi ne parliamo a casa mia prestissimo baci

Rossella 64 mesi fa

@Maghi: e ci riesci? Perchè in casa mia ci sono ciuffi di cose che un posto non ce l'hanno. @Fraida: tranquilla, la menopausa è sopravvalutata.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).