Mamme a 60 anni fra stereotipi e critiche

29 settembre 2011 
<p>Mamme a 60 anni fra stereotipi e critiche</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Ha fatto davvero scalpore la copertina del mensile New York Magazine. E non già perché ricorda quella famosissima di Vanity Fair con una Demi Moore, vistosamente incinta e nuda dell'agosto del 1991 (scatto di Annie Leibovitz), ma perché la donna che vi è ritratta - anche lei chiaramente incinta e altrettanto nuda - è ben oltre i 50 anni (all'epoca, l'attrice ne aveva 28).

E per togliere ulteriori dubbi sulla questione età, ecco il titolo che recita Is she just too old for this?. Insomma: questa signora è troppo vecchia per fare la mamma?

A seguire, un lungo reportage nel quale la giornalista Lisa Miller ha intervistato diverse donne che hanno avuto figli in età più che avanzata, raccontando il loro disagio per come la società le consideri. Ovvero: male.

«Se non rientri nello stereotipo di come una madre dovrebbe essere, vieni messa al bando» - si sfoga una 53enne che ha appena avuto due gemelli, anche se le statistiche sembrano essere dalla parte di queste mamme-nonne, visto che si è scoperto che i figli di genitori anziani sono sani e felici esattamente quanto quelli nati da coppie più giovani.

E la conferma arriva dalle parole di John Travolta, citato nell'articolo, che ha avuto il piccolo Benjamin pochi mesi fa, a 57 anni, dalla moglie Kelly Preston, di 48. «Benjamin ci ha dato un altro spirito e un nuovo scopo di vita» - ha detto l'attore.

Ma stando al servizio, sebbene il rifiuto alle mamme-nonne «equivalga a un disgusto viscerale ed estetico all'idea di una 60enne che allatta un neonato», le critiche più feroci avrebbero radici nella pesante recessione economica che sta colpendo gli Stati Uniti.

«Quando vivi in un paese dove 51 milioni di persone non hanno neppure l'assistenza medica - tuona il sito progressista Slate - il privilegio di queste mamme appare come una grande ingiustizia, degna della frivola e stravagante Maria Antonietta».

Insomma, solo i ricchi potrebbero permettersi di essere alla moda anche per quanto riguarda il trend delle mamme-nonne.

Una spiegazione che però non sembra valere in Italia, dove il primo caso accertato di mamma over 50 risale addirittura al 1993 e la signora in questione - Liliana Cantadori, anni 61 - era un'ostetrica in pensione che ha fatto sacrifici per 20 anni prima di avere abbastanza soldi per la fecondazione artificiale, che alla fine le è costata 600 milioni di lire fra visite e trattamenti andati male.

E anche il caso italiano più recente, quello della coppia (58 anni lei, 72 lui) che cercava di avere un figlio dal 1984 e che è andata in un paese dell'Est per riuscirci, conferma che la maternità fuori tempo massimo non è solo una cosa da ricchi: la neomamma (ha avuto due gemelli, un maschio e una femmina) è infatti un'impiegata, e il marito un metalmeccanico in pensione.

Gente normale, dunque, con l'identico sogno di tanti altri, poveri o ricchi che siano: avere un figlio. A qualunque costo e a ogni età.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Carla 62 mesi fa

Nella nostra società le giovani smettono di fare figli scoraggiate da precariato e mancanza di servizi sociali e cominciano le nonne... Se ne parla anche su http://ledonnedel13siena.blogspot.com/2011/10/non-ho-leta.html

frà 62 mesi fa

chi troppo e chi niente... è strana la vita, tante ragazze troppo giovani rimangono incinte per disattenzione e disinformazione pur non volendolo, e tante donne mature ci si accaniscono per rimanerci. Io non capisco.

annalisa 62 mesi fa

quando il figlio avrà 20 anni i genitori (sempre che siano ancora vivi) ne avranno 80.

cristina 63 mesi fa

60 anni sono troppi, tutti hanno il diritto di avere una famiglia propria ma i figli d'altra parte hanno il diritto di essere cresciuti come si deve

maria 63 mesi fa

60 anni no dai! quando arriverà a 10 anni sarà già senza genitori -.- massimo ai 45

Giovanna 63 mesi fa

SFAVOREVOLISSIMA E A FAVORE DEI DIRITTI E DELLA VITA DEI FIGLI !

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).