Emilia, 900 minori ancora nelle tendopoli

di Rita Russo 

L'allarme arriva da un rapporto di Save the Children. Sono 165 gli edifici scolastici inagibili e 17 mila gli studenti che non torneranno nella propria scuola ma in 28 edifici  provvisori e 1500 prefabbricati

Rita Russo

Rita Russo

ContributorLeggi tutti


Foto Ansa di Save the Children.

Foto Ansa di Save the Children.

Nell'Emilia del dopo terremoto l'anno scolastico parte il 17 settembre, ma per gli oltre 17 mila studenti non sarà un bel rientro sui banchi di scuola.

Come denuncia un rapporto di Save the Children, sono infatti, 900 i minori che vivono ancora tra Modena, Ferrara e Reggio Emilia in 22 campi di accoglienza su un totale di 3.471 persone ospitate (dati della Protezione Civile aggiornati alla fine di agosto).

La fascia d'età più numerosa comprende bambini tra i 7 e i 13 anni (37%) a cui segue quella degli adolescenti (14-18). La provincia di Modena registra il più elevato numero di minori (767) nei campi. Per quanto riguarda, invece, le nazionalità, il 36% dei minori è italiano, il 64% di altra nazionalità con una presenza maggioritaria di bambini con genitori provenienti da Marocco, Tunisia ed Egitto e, in misura minore, dal Sud Est Asiatico (India, Pakistan e Sri Lanka).

«Il rientro a scuola non coinciderà automaticamente con il rientro a casa, per una parte di questi bambini e adolescenti che continueranno a stare nelle tendopoli o comunque in strutture alternative alle proprie abitazioni ancora danneggiate. Né la scuola sarà per molti quella di prima, bensì una struttura provvisoria, ubicata magari in un posto diverso e con una capienza inferiore tanto che ci saranno turnazioni degli alunni», dichiara Valerio Neri, Direttore Generale Save the Children Italia.

Sono 1.530 i prefabbricati e 28 gli edifici provviscori dove si terranno le lezioni in mancanza dei 165 edifici scolastici classificati come inagibili. In totale, sono circa 17 mila i bambini e gli adolescenti che nelle avranno un inizio di anno scolastico disagiato nelle aree colpite dal sisma.

Per venire loro incontro Save the Children ha allestito sin dai giorni immediatamente successivi alle scosse del 20 e 29 maggio, quattro spazi a misura di bambino, realizzati con il sostegno della Fondazione e dei Dipendenti Vodafone Italia nelle tendopoli di Finale Emilia, Novi di Modena, Concordia sulla Secchia, San Possidonio.

«Come Save the Children siamo intervenuti immediatamente dopo la prima scossa, allestendo in altrettante tendopoli 4 spazi a misura di bambino, aperti tutt'ora sette giorni su sette, con uno staff di operatori ed educatori specializzati e con attività creative, educative, di tipo comunicativo e a di svago meno strutturate in grado di restituire da subito ai bambini un senso di normalità e degli strumenti per elaborare l'evento traumatico. Un giorno a settimana inoltre è stato ed è tuttora dedicato ai compiti e allo studio. Il che contribuirà a facilitare il rientro a scuola. Oltre alle attività nelle tendopoli, sono state anche organizzate attività extra: gite per esempio, attività motorie e sportive itineranti e campi estivi», spiega infine Valerio Neri.

E a partire dal 17 settembre, data ufficiale di riavvio dell'anno scolastico nelle zone colpite dal terremoto, lo staff di Save the Children svolgerà laboratori creativi ed educativi in alcune scuole elementari, a supporto degli insegnanti mentre le aree a misura di bambino resteranno aperte e operative fino alla chiusura delle tendopoli.

Leggi anche:
>> Nell'Emilia terremotata la biblioteca rinasce in tenda
>> Il sorriso delle donne emiliane
>>Napolitano in Emilia: «Non sarete dimenticati»
>> Artisti in concerto per l'Emilia
>> La maturità dopo il terremoto: il racconto di Eleonora
>> Emilia, gesti di solidarietà
>> Emilia, dove acquistare il parmigiano della solidarietà

>> Emiliamo, un network di donne per reagire al terremoto
>> Il Papa in Emilia: «Niente crepe nel vostro cuore»
>> Il viaggio del Dalai Lama in Italia

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it