Un senso di te

di SeM . 

Il nuovo post di SeM inizia così: oggi finalmente tutto ha un senso...

SeM .

SeM .

ContributorScopri di piùLeggi tutti


foto Corbis Images

foto Corbis Images

Oggi  finalmente tutto ha un senso. Il 25 ottobre alle ore 15.15 finalmente riceviamo la tanto sognata telefonata e TU NASCI NEL NOSTRO CUORE. Sono in ufficio, sto scrivendo l'ennesima email polemica all'ente per dire che non ce la facciamo più a vivere senza di te e che ora che si diano una mossa. Sono  tutta concitata che mi perdo la telefonata più importante della mia vita. Non ci posso credere: il display del mio cellulare segna proprio  011... Torino!  Sono loro..SEI TU… non capisco già più niente!

Penso: " ci siamo", ma  il tono del mio interlocutore non è dei migliori e per un attimo mi lascia pensare che anche questa volta ci sia qualcosa che non va; ma  dopo due convenevoli mi dice che c'è una proposta di abbinamento! LA TUA! Scoppio a piangere: un pianto a singhiozzi che non mi fa capire nulla di quello che mi stanno dicendo dall'altra parte della cornetta. Il mondo intorno a me è  tutto ovattato, mi sembra di vedere la scena di un film a rallenty.

Aspettavo questa chiamata da quasi 3 anni ormai, un copione visto e sognato un milione di volte ed immaginato nei minimi dettagli, ma TU PICCOLINO hai saputo sorprendermi lo stesso  facendomi capitombolare dalla nuvola più alta del cielo! Sei un maschietto!! E già gongolo pensando che quindi sarai un mammone!

Mi viene detto che hai un nome molto difficile da ricordare. E non perché sia strano ma perché è lunghissimo! Hai un nome composto e altri tre a seguire, come la tua mamma penso subito io! Me lo ripeto all'infinito: che dolce sinfonia per le mie orecchie!

Ancora non ho visto il tuo visino ma so già che questo nome ti casca a pennello! Con quel nome importante sarai qualcuno che conta, per forza. Mi chiedo se non sia un po' troppo un nome da lord per lo standard della nostra famiglia e  poi ho pensato che questo commento probabilmente lo farai tu un giorno scherzandoci su.

Chiedo quando sei nato: hai 3 anni e sei del toro come papà ! Per forza  mi dico: sai la mamma ha proprio un debole per questo segno zodiacale! Non voglio sapere altro, ho fretta di riattaccare per dirlo subito al tuo papà! Cerco di mantenere quel poco di razionalità per ripetermi mentalmente i passaggi da fare: chiamare papà e farlo venire subito da me: devo dirglielo guardandolo negli occhi, come promesso.

Chiamo: tuuuu tuuuuuu, dai su rispondi papà! Piango, rido e con la voce spezzata  gli dico: "è il gran giorno vienimi a prendere!". Mollo tutto com'è e corro incontro al tuo papà sotto la pioggia, e mentre cammino  parlandogli al telefono resisto alla tentazione di raccontargli tutto e gli dico solo una cosa di te: hai un nome bellissimo e  lunghissimo.

Eccolo: finalmente vedo comparire l'uomo dei miei sogni quello che ha reso possibile il mio sogno più grande: diventare la TUA mamma. Ci abbracciamo e piangendo in un soffio dico tutto quello che so di te! È gioia pura, corriamo come due pazzi in studio da papà  e ti troviamo al computer ad aspettarci. Una fotina che non ti rende giustizia: una fotocopia in bianco e nero di una fototessera sbiadita, in pratica una macchiolina nera su un foglio bianco: ma per me e papà sei bellissimo.

Come una vera ecografia: non si capisce nulla ma io intravedo già i tuoi occhi da cerbiatto, la tua bocca a cuore e le tue guance da marmotta che mi fanno impazzire. Corriamo a dirlo a nonni, anzi non diciamo  niente, porgiamo solo la foto! E tutti hanno gli occhi che brillano. Vogliono già stringerti tra le braccia, anzi quasi quasi partono loro al posto nostro per venirti a prendere.

E iniziano con gran fermento tutti i preparativi per darti il benvenuto. Sapessi i cuginetti poi con quanta impazienza ti stanno aspettando: c'è chi stringe e bacia la tua foto, chi corre all'asilo a raccontare a tutti che sta aspettando il cuginetto dall'Africa, chi ti ha già messo da parte le figurine, chi ti ha fatto un bel disegno con la tua nuova casa, chi è entrato in casa chiamandoti a squarciagola. Il telefono non smette di squillare: avvisiamo tutti parenti e amici, tutti quelli che con noi ti stanno aspettando a braccia aperte.

E mentre sono al telefono con la zia V., (sapessi con che pazienza e amore ha sopportato la mamma in questa lunga attesa) ti vedo apparire nuovamente sul video del computer del papà. Finalmente una bella foto a colori. Grido come una pazza di gioia sei bellissimo!!! Non ci posso credere: mamma e papà non  avrebbero saputo farti così bello!! E come mi fa notare lei: ecco già la prima somiglianza con La tua MAMMA: hai proprio un musino imbronciato, sei  incavolato nero proprio come la tua mamma  ultimamente.

Sei tu, sei proprio tu, abbiamo aspettato proprio e solo te e come dice il tuo nome, che nella tua lingua  significa DONO DEL DESTINO, non poteva essere altrimenti: chiamiamo lo zio J. per dargli la bella notizia e scopriamo che in quel momento lui  è proprio nella tua città e  per uno strano caso del destino ti ha appena conosciuto, ancora prima che quaggiù noi sapessimo di te. E' un emozione grandissima sapere che sei un cucciolino dolcissimo. Hai proprio tanto bisogno della mamma e del papà. Resisti piccolino, che manca pochissimo e la tua mamma e il tuo papà non vedono l'ora di volare da te per  portarti a casa, farti risplendere il sorriso e poter finalmente scrivere insieme  la frase più bella di questa nostra favola meravigliosa: e vissero per sempre felici e contenti!


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it