Mo te lo spiego a papà
che cos'è la festa degli innamorati

di Francesco Uccello 

L'amore è come una torta morbida e profumata o come un fiore che sboccia piano piano. Ma può mandarti anche in cassa integrazione. Non ci avete mai pensato? Leggete qua!

Francesco Uccello

Francesco Uccello

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Foto Francesco Uccello

Foto Francesco Uccello

Qualche giorno fa sono andato all'ipermercato con DA1 per una spesa veloce infrasettimanale. Mentre ero in coda per pagare, incontro un vecchio amico di fila che ho conosciuto qualche anno fa alla cassa n°5.
«E che ci fai qui, mica oggi è sabato?»
«Una spesa veloce e poi mio figlio voleva fare un giro»
«E tu?»
«Regalo per San Valentino. Ma tu che farai?»
«Beh di sicuro chiedo un permesso»
«A lavoro?»
«No, no, ai nonni, nella speranza che se li tengano, così organizzo qualcosa»
«Ma credo che ovunque vai sia tutto prenotato e ci sarà una gran confusione.»
«Ma io posso festeggiarlo anche un altro giorno. In ogni caso la mia idea era quella di restare da soli a casa per una cenetta e un dopo-cenetta tutto per noi»
«Allora auguri»

In effetti per le parole dell'amico e per gli addobbi con cuori, orsetti e cioccolatini in ogni dove il senso di colpa per non aver comprato nulla cresceva e così, vittima del consumismo, ho girato il carrello con DA1 e siamo andati a scegliere qualcosa.

«Mi raccomando non lo dire alla mamma che abbiamo comprato i baci Perugina perché è una sorpresa (si proprio una inaspettata sorpresa)»
«Papà ma pecché si comprano questi
«Perché fra qualche giorno è San Valentino ed è la festa degli innamorati. E quando viene una festa si fa un regalo»
«E' vero che tu sei iii..mmorato di mamma
«Certo che sono innamorato di mamma»
« E che significa iii...mmorato
«Quando uno ama un'altra persona»
«E che cosa è l'amore?».

Io nel Centro Commerciale avrei dovuto spiegare ciò che poeti, cantautori, registi e artisti cercano di fare da sempre, dedicandogli magari tutta la loro vita. Avrei voluto dire «...chiedilo al vento» come dice Vinicio Capossela in Che cosse' l'amor, avrei voluto leggergli il sonetto XVII da Cento Sonetti d'Amore di P. Neruda o sarei volato a Vienna per fargli vedere Il bacio di Klimt ma ho pensato che avrebbe avuto tempo per queste cose. Ora ci voleva una spiegazione più rapida.

«L'amore è come un fiore che sboccia piano piano, è come quando la tua squadra del cuore fa un goal un minuto prima della fine della partita, è come una torta morbida e profumata»
«Papà allora compiamo una totta?»
«Va bene però sappi che essere innamorati significa fare a metà quando ne resta solo una fetta. Si dice condividere»
«Io coddivido»
«Si ma si condividono anche le cose brutte»
«Va bene se non mi piace la do tutta»
«Non è proprio così la questione, ma tanto prima o poi lo scoprirai»
«Papà, ma è difficile. Uffaa si devono fare un sacco di cose.»
«Si ma mica le devi fare tutte insieme? E poi solo quelle che ti fanno piacere»
«Papà, ma poi quando finisce l'amore?»

Eccolo là, ma su questo sono preparato.

«Dipende da quello che hai scelto. C'è l'amore occasionale che può durare una sera o qualche giorno. Ognuno mangia la sua fetta di torta e via. Poi c'è l'amore part-time che ti permette di avere un amore al mattino e uno al pomeriggio. Ti mangi così due fette di torta ma poi c'è il rischio che ti senti male per una indigestione. C'è l'amore co-co-pro che dura anche un bel po', ma prima o poi finisce perché uno dei due è stanco di mangiare sempre la torta da solo o di mangiare la fetta più piccola. Ed poi c'è l'amore a tempo indeterminato, quello che dura per sempre, ma è il più difficile da ottenere»
«Papà, ma tu quale hai?»
«Io ora ho quello a tempo indeterminato, ma c'è stato anche un periodo di cassa integrazione. Capita, ma per fortuna sono stato reintegrato. Però a qualcuno accade di ritornare in cerca di seconda occupazione»
«Anchiooo indemminato»
«Tranquillo arriverà anche per te, ma prima è meglio qualche part-time senti a me.»
«E quando arriva?»
«Quando meno te lo aspetti»
«E come?»
«Ci sono tanto modi perché l'amore a volte fa anche degli scherzetti.  Per me è arrivato sotto forma di due occhi, oscuri profondi dell'anima, due meravigliose gambe, un pensiero sempre divergente al mio e una generosità senza confini»
«E poi che si faaaa?»
«Si fanno tante passeggiate insieme, si gioca, si litiga, si va al mare, si dorme insieme, poi si litiga ancora e si fa pace»
«Papà, ma la totta?»
«Hai ragione, facciamo presto che a quest'ora la tua amica Dalila sarà già a casa e quando ci sono ospiti mamma un po' va in crisi e sono a rischio di Licenziamento per Giusta Causa»
«Papà io la do a Dalila la totta, andiamo andiamo»
Lo so, lo vedo nei suoi occhi quando giocano e lui fa tutto quello che lei gli ordina senza fiatare, ma la cosa più bella è vederli abbracciarsi prima di andar via ed MPS asciugarsi la lacrima per un amore che sboccia...o forse per un amore strappato alle braccia della mamma.

TORT-ura, ma sapeste che sapore.

P.S. Se qualcuno si offre per una serata con i bambini noi festeggeremmo San Valentino. Per il giorno fate voi tanto siamo a tempo indeterminato.

>> Scopri il blog  Motelospiegoapapa.it

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it