Hai un mese di tempo

di Silvia Gianatti 

Nidi, scuole d'infanzia, sezioni primavera. Per i genitori è tempo di presentare la domanda di pre-iscrizione. Dubbi, riflessioni, ripensamenti. Tu come ti sei comportata?

Silvia Gianatti

Silvia Gianatti

Blogger & ContributorScopri di piùLeggi tutti


foto Getty Images

foto Getty Images

Nidi, scuole d'infanzia, sezioni primavera. Parte il periodo delle iscrizioni! Ogni città ha le sue date. A Milano, per esempio, è possibile iscrivere il proprio bambino nella struttura preferita dal 14 febbraio al 23 marzo. Puoi farlo online tramite il pin che dovresti aver già ricevuto a casa, o fissando un appuntamento chiamando il tuo comune. Ah, come la fanno facile loro. E per loro si intendono tutti gli altri, tutti quelli che non devono scegliere.

Chiariamo. Nell'iscrizione puoi indicare quattro strutture, nel tuo ordine preferito. Detto questo non è assolutamente certo che la tua prima scelta sarà quella in cui finirà il tuo bambino. Quindi in pratica tu ti scervelli, visualizzi ogni opzione possibile, paragoni, ripensi, opti per la struttura più bella esteticamente ma poi rivaluti e ti ricordi che non è il mattone a far la differenza, ma una buona maestra e cambi idea.

E poi però pensi che quell'asilo è più comodo per andare al lavoro con i mezzi, ma quell'altro ha nella stessa struttura la sezione primavera che potrebbe essere comoda quando i bambini saranno due, quell'altro ancora è vicino al parco, quell'altro ancora ancora ha un cortile che sembra un parco.

Insomma, pensi a ogni singola opzione possibile per il bambino, per te, per il papà, per le nonne che potrebbero doverla andare a recuperare in macchina, per la zona preferita, per tutti quelli che mi conoscono… bla bla. Alla fine però magari ce la fai e decidi. E poi tanto ti verrà assegnata la terza scelta opzionata. E allora che cosa mi sono scervellata a fare?

Sono andata a vedere anche una struttura montessoriana privata, lo confesso, incrociando le dita, sperando che dicessero una cifra per me abbordabile. Ah, quanti problemi avrei risolto in un colpo solo: zero graduatorie, tutta sicurezza di una buona scuola e un buon metodo. Non l'hanno detta.

Quindi ho visto tutte le strutture comunali attorno a noi: ovviamente ne ho saltata una che ora sto valutando come preferita (ma questo è normale, no?). Anyway… Ieri sera pensavo di aver deciso, ho aperto il computer, mi sono registrata al portale (facile, ma non facilissimo), ho fatto scadere la prima sessione per indecisione, ho fatto scadere anche la seconda perché almeno l'ordine di preferenza volevo condividerlo con il papà, ho fatto scadere anche la terza perché il papà mi ha ricordato di chiedere all'amichetta della Patata gigante quale fosse la sua prima scelta. Ho rimandato. E stamattina la prima scelta di ieri non era più quella di oggi.

Penso che ormai sia chiaro, sono una persona un po' indecisa, poche cose mi mandano in crisi come le scelte. Sono serena (ok, o quasi) in mille aspetti che manderebbero in tilt chiunque, ma non chiedetemi di scegliere velocemente, soprattutto se si tratta di lei, del suo futuro prossimo (che in questo caso dura tre anni. Non sono pochi tre anni!).

Sto pensando che potrei andare a parlare con le mamme che già frequentano quelle strutture e chiedere i pro e i contro. Ma forse sto esagerando. Sto?

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it