Linda Loppa:
«Ci vuole ambizione»

16 dicembre 2009 
<p>Linda Loppa:<br />
 «Ci vuole ambizione»</p>
PHOTO COURTESY DIOMEDEA

Forse ai più il suo nome e il suo viso non diranno molto, ma per gli addetti ai lavori Linda Loppa è una delle figure più importanti e autorevoli della moda degli ultimi 30 anni (parola anche del Time Magazine, che nel 2002 l'ha incoronata tra i 25 personaggi più influenti nel settore).
Alle spalle un curriculum difficile da riassumere. Nel 1981 fonda il Dipartimento di Fashion Design presso la Royal Academy of Fine Arts di Anversa, dove nasce, da allora, la moda più "colta" e alternativa del pianeta (compresi i leggendari Sei di Anversa: Walter Van Beirendonck, Ann Demeulemeester, Dries Van Noten, Dirk Van Saene, Dirk Bikkembergs e Marina Yee). Nel 1996 è tra i fondatori del vzw Mode Antwerpen, oggi Flanders Fashion Institute, che da anni "combatte" per sostenere in tutti i modi possibili - eventi, pubblicazioni, mostre... - il talento dei giovani creativi. Dal 1998 al 2006 è direttore dell'attivissimo e sempre intrigante Fashion Museum di Anversa. Una che sa il fatto suo, insomma.
Dal 2007 Linda Loppa è in Italia, chiamata a dirigere l'Istituto internazionale di Fashion Design e Marketing di Firenze Polimoda. E' sotto questa veste che la incontriamo, scoprendo una signora per la quale garbo fa rima con arguzia.   

Un passato, il suo, pieno di momenti importanti e di soddisfazioni. Quale la rende più orgogliosa?
Non è facile ricordarne solo uno. Nel passato più recente, per me è stato un grande onore essere chiamata ad occuparmi di una scuola come il Polimoda. Ho sempre dedicato la mia vita alla formazione, perchè penso che sia fondamentale nel settore moda: sembrerebbe scontato, ma alle volte si tende a sottovalutare questo aspetto. Ci sono molti corsi che si assomigliano, ma mi è sembrato che Polimoda avesse il potenziale per andare più in profondità rispetto alle altre scuole che conoscevo...

Anche rispetto a quella di Anversa?
Ad Anversa c'era un corso unico di design della moda, mentre a Firenze, tra design e marketing, abbiamo oltre 50 offerte formative diverse: l'overview che Polimoda offre dell'intero settore professionale è davvero completa. Mi ha stimolato molto questa sfida. Ad Anversa mi sembrava di avere fatto tutto quello che potevo fare: non mi rimaneva che andare in vacanza...

Come si trova in Italia?

Tornare in Italia per me è stato come chiudere un cerchio: negli anni '80 ad Anversa gestivo un negozio nel quale vendevo anche la moda italiana. In un certo senso sono tornata alle mie origini professionali.

Nota delle differenze macroscopiche nell'insegnamento della moda in Italia rispetto al Belgio e al resto d'Europa?
L'humus è diverso. Ad Anversa non c'era un'industria della moda vera e propria attorno alla scuola, mentre in Italia la moda è da tanti anni un settore importante dell'economia, che ha radici in una lunga tradizione di aziende familiari. In Italia la moda è nel sangue: questo fatto inevitabilmente influisce anche su "cosa" e "come" una scuola del genere possa insegnare.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).