Sfila Elie Saab Couture

28 gennaio 2010 
<p>Sfila Elie Saab Couture</p>
PHOTO FIRSTVIEW

Fermo restando che per Elie Saab l'Haute Couture deve vestire un sogno, alle più attente non sfuggirà un leggero cambio di rotta dello stilista libanese amato dal jet set internazionale. Uno sguardo meno interessato al red carpet, più orientato verso occasioni mondane, matrimoni compresi, dai toni contenuti viene rivelato da abiti che pur essendo preziosi nei ricami, scendono in modo fluido senza abbandonarsi a esercitazioni di taglio o a costruzioni complicate. Questo rende la collezione più approcciabile, più vivibile anche da una donna giovane, che cerca in un abito da sera o da sposa un po' di magia e di poesia. Tradotte in una moltitudine di sirene a sottoveste o con strascico, che fluidificano la silhouette, aprendosi sulle gambe con spacchi vertiginosi o laciandosi alle spalle strascichi generosi, ma anche tanti abiti sopra il ginocchio, mossi dai tessuti intrecciati a canestro o dalle gonne gonfie di strati su strati. I ricami sono come sempre accademici, ma sono le piccole lavorazioni in 3D, il tessuto lavorato a petali, a onde, a tessere a dare un'aria invitante alla collezione. Che esce davvero dalle righe con l'abito floreale dipinto a tinte pastello aerografate. Un quadro rinascimentale da indossare con grazia e sensualità.

GUARDA LA SFILATA >

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).