La rivincita delle curve

08 gennaio 2010 
<p>La rivincita delle curve</p>
PHOTO WWW.VMAGAZINE.COM


Non si parla d'altro. V Magazine ha rotto il tabù delle taglie oversize: il lancio della campagna abbonamenti della versione online della rivista avviene con l'anteprima della "SIZE ISSUE", prevista per il 14 gennaio, e dedicata a modelle decisamente in carne. E, mentre il dibattito infuria, non si può fare a meno di notare che si tratta di un servizio molto sofisticato e, in certo senso, volutamente provocatorio. Il fotografo è Solve Sundsbo, fotografo di moda celeberrimo e abituato alle "sfide di immagine", che così ha commentato l'operazione: "Ho amato l'opportunità di mostrare che puoi essere bello e sexy al di fuori della ristretta interpretazione che normalmente ci definisce". Lo stylist invece è Nicola Formichetti (vedi Special Linx del 4 gennaio), che si conferma "uomo del momento" del backstage. A parte tutte le considerazioni pro e contro che stanno emergendo, la cosa che ha stupito di più, probabilmente, è che le modelle indossano abiti di grandi griffes (e non abiti "dedicati") con attitudine marcatamente sexy. In ogni caso la diversità è un valore aggiunto, anche se ovviamente questo non significherà un'inversione di tendenza sulla taglia delle modelle, e quindi vale la pena di dare un'occhiata al servizio.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Viola 84 mesi fa

Credo che non appartenga al compito delle modelle rispecchiare le donne che si vedono per strada, è assurdo e ipocrita pretendere questo dalla moda. Gli stilisti DEVONO affidarsi a "modelli", che valorizzino al massimo l'abito che indossano, dunque a donne e uomini che rappresentino la bellezza. Io credo che un bel corpo femminile debba essere armonioso, e in questo sono d'accordo con il commento di Akila: no alla magrezza eccessiva, ma neanche all'abbondanza: è giustissimo condannare modelli anoressici, ma è criminale allo stesso modo incoraggiare il sovrappeso.

sweety_88 84 mesi fa

scrivi il messaggio

akila 84 mesi fa

Io non appartengo a questa categoria delle "curve" e posso benissimo rispecchiarmi nelle modelle che si vedono su tutte le passerelle (altezza a parte!). Eppure, io stessa non sopporto quella ostentata magrezza che, anche se costituzione e non per forza indice di "non salute", oltre a dare un esempio sbagliato, a mio avviso, non rende giustizia alle bellissime creazioni delle grandi griffes. Le curve, insomma, fanno parte delle donne e gli abiti dovrebbero dovrebbero valorizzarle e anche viceversa. Però (infine c'è un però!), non condivido neanche questa "ipocrisia", che come accennato dall'articolo stesso avrà valenza limitata, nel far credere che "grasso è bello". Poi c'è grasso e grasso e queste modelle non lo sono! e, inoltre, hanno dei visi bellissimi (e non tutte le donne grasse sono così, ovviamente). Io dico: viva la via di mezzo!

tutte le donne sono Belle siamo abituati a vedere solo quello che vogliono farci vedere... le cosiddette miss, perfettamente "belle" Ma nella realtà di ognuno di noi le "ferfettamente belle" danno fastidio,un fastidio d invidia compiaciuto... che viene portato al paragone della ns realtà visiva fatta di conoscenti,amici,amiche,mariti,mogli...persone che accettiamo come sono perchè sono maledettamente belle... con la "chicca" che potranno diventare AFFASCINANTI solo con la minima accortezza di tanto in tanto di uscire dal proprio stile di vestire,di accocciarsi, insomma CAMBIARE LOOK ogni tanto,magari ci prendiamo gusto .... o no? Roberto Belotti

deanna 84 mesi fa

FINALMENTEEEEEEEEE..........LE ANORESSICHE CON I LORO CULETTI MENCI E LE GAMBE A MERLO ACQUAIUOLO......SECCHE...SECCHE....SONO VENUTE A NOIA !!!! CIAO A TUTTI DEANNA

Gigio 84 mesi fa

Ciao a me mi piace la carne che c'è da toccare, non le secche di adesso che non ce sostanza! Viva le armoniose rotondità delle donne mediterranie

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).