Il Fashion Award di Mango

15 febbraio 2010 
<p>Il Fashion Award di Mango</p>
PHOTO COURTESY MANGO

Nei nostri anni si è spesso fatto un gran parlare dell'importanza di un ricambio generazionale nel sistema moda, spesso accusato di arroccarsi dietro ai grandi nomi, non aiutando le nuove leve. Fortunatamente grazie a Who's on next?, sponsorizzato da Vogue, che ha sfornato nomi come Aquilano.Rimondi, Albino e Gabriele Colangelo, a progetti come l'Incubatore della Moda, voluto dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, con il patrocinio del Comune di Milano, si sta concretamente realizzando qualcosa, promuovendo molte realtà in crescita. È giunto alla terza edizione anche el Botón- MANGO Fashion Awards, un concorso la cui finalità è quella di promuovere e sviluppare la notorietà internazionale dei nuovi talenti della moda. In questo caso è il brand spagnolo Mango a scommettere sui giovani creativi, contribuendo a realizzare i loro sogni. Fino a metà marzo è possibile presentare le proprie candidature: i partecipanti avranno l'opportunità di mostrare le collezioni davanti ad una giuria autorevole, presieduta nella prima edizione da Valentino e nella seconda da Oscar De la Renta, e di conseguire un premio di 300.000 euro, la cifra più alta offerta fino ad oggi in un concorso di questa categoria. I nomi dei finalisti saranno svelati ad aprile durante la sfilata per l'AI 2010/2011 di Mango. Nella scorsa edizione i dieci selezionati hanno avuto poi modo di esporre, per una settimana, le loro creazioni lungo l'emblematico Passeig de Gràcia, una fra le più importanti avenidas di Barcellona. Il claim dello spot pubblicitario del concorso sostiene che il successo è per i coraggiosi. Invitiamo tutti i giovani designer che ci leggono a provarcelo!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).