Sfila Missoni: Femminilità primitiva

28 febbraio 2010 
<p>Sfila Missoni: Femminilità primitiva</p>
PHOTO FIRSTVIEW

GUARDA TUTTE LE SFILATE AI 10/11 >

Oggi in passerella Missoni, ecco qua le foto >

Angela Missoni sceglie l'Università Cattolica di Milano per presentare la nuova guerriera della Maison. Al ritmo di tamburi e percussioni, sfila una moda neo-ethno, una donna Masai che indossa sontuosi saggi di maglieria. E che, con istinto primitivo, ripiega sul corpo esclusivi patchwork, cappe tribali, poncho e kilt. Filo conduttore è la coperta, da buttarsi sulle spalle e da sagomare attraverso l'uso furbo di spille piercing, che servono anche per fermare gonne, mantelle, robe-gilet e colli di marmotta. Sotto, tutte le meraviglie artigianali di cui Missoni è capace: gonne a portafoglio in telaio patchwork, gonne-scialle o gonne-poncho in maglia di fili flottanti, in crochet, in maglia plissé di ciniglia o in cashmere fiammato. Oppure, leggings in tweed o in pizzo a rombi, boxer-shorts in jacquard di maglia a fiori, abiti di paillettes gold o in rete crochet multicolore, in un gioco di mirabili mix e inusuali sovrapposizioni. I pull sono ampi, con zip posteriore. Pezzi lingerie, reggiseni e corsetti aderenti come un tattoo rituale, spuntano dai capi più arditi. Le nuances naturali di alpaca, cashmere e camel-hair si accostano a rossi, verdi, cobalto, grigi e marroni, bianchi e neri. Anche gli accessori sono in maglia: collari stretti da collier afro, stivaletti socks con staffa e campanellino, borse wool & fur. Il finale a sorpresa vede sfilare le nuove generazioni della famiglia.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).