C'era una volta... la rivista di moda

08 marzo 2010 
PHOTO COURTESY ARCHIGINNASIO BOLOGNA

Le riviste di moda sono una passione femminile da sempre. O almeno dalla seconda metà dell'800, quando le pubblicazioni periodiche femminili invadono il mercato editoriale italiano. La mostra in corso alla Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna racconta l'evoluzione dell'immagine della donna tra i due secoli, attraverso le illustrazioni dell'epoca. Tra il 1861 e il 1920 nascono in Italia più di 100 giornali femminili, di cui 75 solo a Milano. Consigli di economia domestica, di bellezza, suggerimenti di galateo… queste riviste si propongono come la summa di quelli che erano considerati gli interessi della donna borghese. L'aspetto più interessante è però lo spazio dedicato alla moda, specchio dell'evoluzione del ruolo femminile nella società: dalla crinolina che ingabbia nell'Ottocento la donna nel suo ambito domestico e salottiero si passa all'abito sciolto, senza busti e costrizioni, che nel Novecento asseconda l'uscita di casa e il confronto con il mondo esterno. Accompagna questo mutamento anche una reazione negativa da parte dell'uomo: la donna, nuovo soggetto sociale che pretende di invadere gli spazi fino a quel momento privilegio maschile, è avvertita come creatura pericolosa e dominante, e quindi ridicolizzata nelle riviste umoristiche. Sono cambiate molte cose da allora. La nostra passione per le riviste di moda no, quella non finirà mai.

Fino al 10 aprile. Ingresso libero. Info: 051 276811

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).