Sfila Yohji Yamamoto: Decostruite con ironia

08 marzo 2010 
<p>Sfila Yohji Yamamoto: Decostruite con ironia</p>
PHOTO FIRSTVIEW

GUARDA TUTTE LE SFILATE AI 10/11 >

Oggi in passerella Yohji Yamamoto, ecco qua le foto >

Blu, nero (la palette di sempre) e poco bianco: a Yohji Yamamoto bastano tre colori per reinventare l'inverno in modo non convenzionale. Sembra riuscire anche nella difficile operazione di mantenere in equilibrio lo stile concettuale che lo contraddistingue con la fruibilità, in un momento in cui la griffe, dopo un periodo critico, sta intraprendendo un percorso di ristrutturazione e di rilancio grazie all'arrivo di un nuovo azionista (la giapponese Integral Corporation). Tutto questo non senza una vena di ironia, che si coglie anche da piccoli particolari. Così il cappotto navy si ingentilisce con le pieghe sul fondo e gioca con le asimmetrie. La gonna da collegiale si indossa con una giacca corta, chiusa da macro bottoni, e con gli stivali bassi da pioggia mentre l'abito plissé senza spalline, lungo dietro e corto davanti si porta con le mani in tasca, scarpe basse e calzini in tinta. La camicia da notte maschile diventa un vestitino chic se realizzato in seta, la maxi maglia uno scamiciato casual-sexi se portato a pelle. Per scherzo l'ultima uscita è riservata a una sposa con veletta, ovviamente in black.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).