Quando la moda è critica

11 marzo 2010 
<p>Quando la moda è critica</p>
PHOTO COURTESY OF DRESSED UP

Può la moda essere critica? La risposta è sì, se significa dedicare attenzione non solo allo stile e alle tendenze, ma anche alle caratteristiche etiche dei capi che si indossano. Il vestire può acquisire un ruolo importante, quello di tramite per un messaggio relativo ai nostri valori, alla nostra identità, al nostro stile di vita. Ne sono convinti gli organizzatori di FA' LA COSA GIUSTA!, mostra mercato del consumo critico e degli stili sostenibili arrivata alla settima edizione, che verrà inaugurata il 12 marzo a Milano presso i padiglioni 1 e 2 di fieramilanocity. La sezione speciale di quest'anno sarà proprio dedicata alla moda critica, nelle sue diverse interpretazioni, e all'interno di questo contesto, che prevede anche un fitto programma di laboratori e workshop, avrà luogo la seconda edizione di  DRESSED UP: a critical fashion show, che ha per protagoniste le piccole produzioni di moda, libere dalle imposizioni del fashion system, ma vicine alle nuove tendenze. Per questa occasione DRESSED UP stravolge il concetto di sfilata, proponendo una performance che renderà fruibile al pubblico ciò che normalmente avviene dietro le quinte, anche il titolo dell'edizione, Re_PUBLIC FASHION, è un invito a riappropriarsi del concetto di moda come forma espressiva del vivere sociale. Molti i marchi, dalla collezione chilometrouno di Laboratorio Isola al vintage remake di Riciclabò, passando per i pezzi unici di Caira Design e la stravaganza degli abiti da sposa di Samanthakhan Tihsler, che presenteranno le proposte attuali, ma anche anticipazioni della stagione AI 2010/2011.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
riciclabo 81 mesi fa

....che emozione questo capo l'ho cucito con le mie manine - www.myspace.com/riciclabo

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).