Lo stile della Signora O.

27 aprile 2010 
<p>Lo stile della Signora O.</p>
PHOTO IMAGE BY JIM YOUNG / REUTERS

Mrs-O.org è un blog interamente dedicato agli abiti di Mrs. O., e cioè Michelle Obama. Per quanto a volte le scelte della first lady siano state discusse, evidentemente il suo stile lascia il segno, tanto da far decidere Mary Tomer a creare un blog con l'idea di seguire nel dettaglio ogni suo look, specificando sempre "che cosa" e "di chi" siano tutti gli abiti e accessori indossati. Mary ha confessato che riesce a riconoscere tutte le griffes anche con l'aiuto degli affezionati al blog, che, guardando le foto pubblicate, contibuiscono con varie segnalazioni. Probabilmente sono già in molte, negli States e non solo, ad avere adottato gli abiti senza maniche, le spille grandi, le gonne "new look", la passione per il giallo...e questo blog darà sicuramente qualche idea in più. Quasi mezzo secolo fa un'altra "Mrs. O." (allora Kennedy) è diventata un'icona di stile, e se allora fossero esistiti i blog ce ne sarebbe stato sicuramente anche uno dedicato a lei, mentre, almeno per ora, non si segnala nessun blog dedicato alla première dame Carla Bruni...

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

tingarly 73 mesi fa

Va bene tutto ma che M. Obhama, con quel tragico fisico e con quei gusti orrendi , venga paragonata a Jaky Kennedy, è veramente troppo!!! Mi chiedo perchè nessuno dei nostri stilisti , che dettano legge in tutto il mondo, sia mai intervenuto a riportare tutti con i piedi per terra. P.S.: Nel frattempo Jaky Kennedy continuerà a rivoltarsi nella tomba!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Leila Silva 80 mesi fa

A primeira dama Michelle Obama sabe muito bem selecionar ítens que favorecem suas características físicas e se mantem fiel ao seu Estilo Pessoal de forma muito charmosa. Leila Silva http://www.leilasilva.wordpress.com

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).