Museo Valentino sì o no?

15 giugno 2010 
<p>Museo Valentino sì o no?</p>
PHOTO CLAUDIO MARGOTTA -

Ancora di discute sull'opportunità o meno di un Museo per Valentino a Roma e intanto lo stilista ne allestisce uno a Parigi. Una promessa fatta dall'ex sindaco Walter Veltroni - quella di un'esposizione permanente dedicata a uno dei più grandi stilisti di tutti i tempi - che la Giunta Alemanno sembra (o sembrava) non voler mantenere. Quali le ragioni? Forse le pretese eccessive dell'Ultimo Imperatore della moda (che mirava all'intera struttura dell'ex mercato del pesce di San Teodoro), o forse gli altri stilisti invidiosi che hanno minacciato di disertare le sfilate romane, o ancora lo smacco subito dalla Capitale quando oltre 25 anni fa lo stilista l'abbandonò preferendole Parigi. Questo per lo meno quanto si è detto. Ma in fondo, quali che siano le vere motivazioni, quello che conta è che Roma, e l'Italia tutta, rischiano di perdere una grande opportunità.

Ed eccoci all'ultima puntata della querelle: Umberto Croppi, Assessore alle Politiche Culturali con delega alla Moda, ribadisce ora l'ampia disponibilità del Comune di Roma alla realizzazione del Museo, garantendo «i requisiti che alla fama di Valentino sono connessi e nel rispetto dell'utilizzo pubblico delle proprie risorse». Parole che hanno fatto seguito alla dichiarazione dello stilista stesso il quale, due giorni fa al Festival del Cinema di Taormina, ha annunciato l'intenzione di esporre abiti e disegni in una sua dimora parigina. Valentino tradirà nuovamente la Città Eterna con la Ville Lumière o si giungerà ad un accordo? La questione rimane ancora in sospeso.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).