Made in town: a Palazzo Fendi la moda è su misura

10 luglio 2010 

Largo Goldoni è più gioioso del solito, oggi. E il motivo è presto trovato: la facciata di Palazzo Fendi, che dà sul Largo, è ricoperta dal colore di uno stendardo gigantesco, un'opera d'arte realizzata da Pascal Gautrand con l'aiuto delle studentesse dell'Accademia di Moda e del Costume di Roma.
Mani d'opera - questo il titolo del manufatto - è un maxi patchwork di circa 120 metri quadri, realizzato asemblando pezze di stoffa di 16x16 cm ricavate da abiti dismessi: sapientemente uniti l'una all'altra, le pezze vanno a comporre il disegno di un filo che scorre tra due mani.
Una sorta di metafora della preziosità dell'artigianato, del lavoro manuale, delle capacità dell'uomo che con il suo "saper fare" manuale è in grado di creare dei veri tesori di bellezza e - oggi più che mai - di lusso.
Ecco allora che lo stendardo è l'introduzione ideale all'evento del calendario ufficiale di AltaRoma che - al proprio interno - Palazzo Fendi ospita: la presentazione del volume Una guida su misura.
A firma dello stesso Gautrand e di Andrea Spezzigu, edito da Palombi, il volume è una sorta di enciclopedia tascabile nella quale vengono raccolti e raccontati 239 luoghi della Capitale nei quali gli uomini possono ancora farsi realizzare abiti e accessori su misura. Camicie, giacche e completi, ma anche cappelli, scarpe, ombrelli e occhiali: il vero dandy - quello che ama la perfezione dell'oggetto costruito addosso al proprio stile e alle proprie misure - oggi può ricorrere da un lato alle vecchie sartorie di tradizione, ma dall'altro anche ai grandi marchi del lusso internazionale, che sempre più stanno capendo come il vero lusso, oggi, sia proprio questo (Fendi lo sa da anni, visto che la linea Selleria è uno dei suoi fiori all'occhiello).
Oggi la chiamano custumizzazione, con un neologismo che suona male. Oggi si parla di locale, contrapposto al globale. Ma a noi sembra - e questa guida lo mette perfettamente in luce - che quello di vestire riscoprendo il gusto della scelta e soprattutto esprimendo il proprio stile personale sia un'esigenza vecchia come l'eleganza. La notizia davvero interessante è che questo sarà solo il primo di una serie di volumi che indagheranno anche l'universo dell'abbigliamento e degli accessori su misura al femminile. Ci piacerebbe che il raggio d'azione si potesse espandere da Roma a tutta l'Italia: i piccoli scrigni dimenticati di artigianato sono ovunque.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).