10 talenti (e 10 città) per The X by Closed

05 agosto 2010 
<p>10 talenti (e 10 città) per <em>The X</em> by Closed</p>

Si chiama The X ed è la nuova campagna di marketing che Closed ha ideato per celebrare individualismo e diversità, creatività e diverse location, coinvolgendo un pool di 10 talenti dislocati in 10 città in giro per il mondo.
Per il progetto interattivo non sono stati scelti modelli o volti noti, ma persone vere che conducono vite concrete nell'ambito dell'industria creativa, artisti diversi, spesso trasferiti in centri urbani differenti da quello d'origine, ma che condividono caratteristiche comuni nel modo di utilizzare la tecnologia moderna.
I magnifici 10 sono Maxi Lehousis, il regista francese che vive ad Atene e Paolo Maistri, il gallerista italiano che fa base a Barcellona. E poi ancora Marcelo Burlon, event manager, editore e dj di Milano; Julia Knolle, fashion blogger di Berlino; Jethrow Cave (il figlio di Nick Cave), musicista di Londra; Damaris Drummond, performance artist di Los Angeles; Tim Barber, fotografo di New York; Emi Kameoka, giornalista di Tokyo; Alban Adam, scrittore di Parigi e Raf Ziervogel, artista di Berlino. Insomma, fotografi, bloggers, artisti, innovatori di un'epoca (guarda qui il video di presentazione) tutti riuniti da Closed per raccontare la visione del loro personale e particolare mondo in una serie di ritratti postati sul website di The X, aggiornato regolarmente.
I componenti di The X sono stati infatti dotati di una macchina fotografica Leica con GPS tracking, che permette ai visitatori del sito di monitorare i movimenti di ognuno, così da poter seguire spostamenti, visionare lavori, essere in un certo senso coinvolti nelle attività che svolgono nelle città in cui vivono, conoscere i loro amici, gli indirizzi, le feste e i locali più cool  e partecipare virtualmente ai loro viaggi.

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).