Dolce & Gabbana danno spazio ai talenti emergenti

17 settembre 2010 
<p>Dolce &amp; Gabbana danno spazio ai talenti emergenti</p>
PHOTO COURTESY DOLCE&GABBANA

Per festeggiare il loro primo quarto di secolo sulle passerelle, Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno deciso di regalare una possibilità ai giovani stilisti di tutto il mondo.

Da domani, infatti, ventidue di loro potranno vendere le loro creazioni di moda (vestiti e accessori) nella boutique di via della Spiga, allestita per l'occasione con installazioni video e iPad a disposizione dei clienti, e che prenderà il nome di Dolce & Gabbana Spiga 2, trasformandosi così in "un'officina della moda e delle idee non istituzionali".  I giovani stilisti - un melting-pot che comprende ungheresi, turchi, israeliani, iraniani, olandesi, spagnoli, svedesi, australiani, inglesi, belgi e italiani - sono stati scelti personalmente da Dolce & Gabbana e avvisati direttamente dalla maison meno di due mesi fa. E la notizia è stata talmente inattesa e insperata che molti di loro hanno pensato si trattasse di uno scherzo o di una pubblicità tipo catena di Sant'Antonio, cestinando inizialmente la proposta italiana.  "Non è mecenatismo - ha precisato Gabbana sul Corriere della Sera - perché i ragazzi potranno esprimere quello che vogliono. Sono bravi e venderanno, ma adesso impareranno anche molto e cercheranno di capire il mercato".

Per la prima stagione i 22 marchi prescelti sono: Gail Sorronda (Australia), Yigal Azrouel (israeliano con base a New York), Kinder Aggugini (Inghilterra), Fannie Schiavoni (svedese con base a Londra), Elisa Palomino (spagnola con base a New York), Araks (Araks Yeramian, americana), Cooperative Designs (Annalisa Dunn e Dorothee Hagemann, con base a Londra), Napsugar Von Bittera (Ungheria), Erkan Coruh (turco con base a Milano), Marc Philippe Couderyre (scozzese con base in Belgio), Martin Grant (Parigi), Behnaz Sarafpour (iraniano con base a New York), Heather Williams (americana), Fausto Puglisi (italiano), Girls From Osk (Belgio), Peter Jensen (Londra), MSGM (Italia), Felder Felder (Inghilterra), Il sistema degli oggetti (Italia), Avelon (Olanda), Vladimiro Gioia (Italia) e Christian Blanken (olandese con base a Londra).

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
alice 67 mesi fa

come si fa a partecipare a quest inziativa come giovane stilista?? c'è un bando??

Donna Micia 75 mesi fa

Fausto Puglisi è un GRANDE

dario 75 mesi fa

Finalmente vedo il nome Fausto Puglisi proiettato anche in ambito nazionale, già da anni infatti il talento messinese è conosciuto oltreoceano x aver vestito diverse celebrità tra le quali Madonna. Sono convito che tra non molto anche in Italia Fausto si ritaglierà un posto importante nel mondo della moda.

sweetelsa 75 mesi fa

E' una buona iniziativa.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).