Arriva la prima "maglietta a spruzzo"

20 settembre 2010 
<p>Arriva la prima "maglietta a spruzzo"</p>
PHOTO GENE KIEGEL -

Arriva la prima "maglietta a spruzzo" nel senso letterale del termine, visto "Spry-on Fabric" è un tessuto-non tessuto inventato dal designer spagnolo Manel Torres (in collaborazione con il professor Paul Luckham dell'Imperial College di Londra) che, a contatto con i corpo, crea una patina che si asciuga all'istante e personalizzabile a seconda dei gusti con colori e fogge a scelta.
Bastano 15 minuti di lavoro con una semplice pistola a spruzzo per realizzare una t-shirt che può essere poi lavata e re-indossata come un tradizionale capo di abbigliamento e quando vi ha stancato, si scioglie il composto - formato da una miscela di fibre di cotone, polimeri e solventi - e lo si riutilizza per altri indumenti (oltre alle magliette, si possono creare pantaloni, cappelli e persino un abito intero), sebbene a contatto con la pelle lo "Spry-On Fabric" risulti un po' troppo freddo e questo può senz'altro rappresentare un limite nell'impiego, a cui peraltro si sta già cercando di trovare una soluzione.
"Volevo realizzare a tutti i costi un materiale futuristico, senza cuciture, veloce e al tempo stesso confortevole - ha spiegato Torres, che nel 2003 ha fondato l'azienda Fabrican Ltd - e la mia ricerca mi ha così riportato ai principi dei primi tessuti tessili come il feltro, che erano prodotti cercando di legare insieme le fibre senza punti o cuciture"".
E in attesa che lo "Spry-on Fabric" arrivi sul mercato (secondo il suo inventore ci vorranno almeno un paio di anni), l'azienda sta studiando nuove, possibili applicazioni al prodotto che spaziano dal settore farmaceutico e dell'igiene personale (cerotti, salviettine e deodoranti) agli interni per auto fino all'arredamento.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).