La moda hippy chic sulle passerelle milanesi

23 settembre 2010 
<p>La moda hippy chic sulle passerelle milanesi</p>

Abiti-totem con monili incorporati d'ispirazione berbera, tute da sera con pantaloni harem, e gonne a tulipano stile bon-ton. Lo stile della donna Gucci by Frida Giannini è tribale ma chic e molto sexy. La personalità vince sul logo: niente doppie G, il biker style e il rock lasciano il posto all'eleganza assoluta e ad una femminilità più consapevole. I colori sono decisi e accostati in abbinamenti "arditi" ma non stonati (il viola con l'arancio, il verde con l'azzurro), i tessuti sono sapientemente mixati (la pelle e lo chiffon), gli accessori sexy (i sandali-gabbia), i tocchi dorati (le cinture, le borse, i tacchi a stiletto) e i monili ricordo di un viaggio a Marrakech fungono da indispensabile trade-union.

Libere, indipendenti e un po' hippy anche le donne di Alberta Ferretti che da sempre prediligono l'eleganza naturale. Lunghi abiti in chiffon a stampa floreale di memoria botticelliana da indossare con sandali rasoterra, e romantici top di pizzo macramé, tessuti impalpabili che si fanno portavoce di una sensualità mai ostentata.

Dalla leggerezza di Alberta Ferretti, si passa allo stile "alleggerito" di John Richmond: meno borchie e più cristalli, meno pelle e più lino. L'anima hard rock della donna di Richmond rimane nei teschi punk (marchio di fabbrica della griffe) ma si smorza nell'ispirazione Seventies dei pantaloni fluidi e scampanati, nelle stampe foulard degli abiti, nel verde giada fresco e grintoso del chiodo di pelle, nei lunghi abiti in pizzo e negli impeccabili blazer.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).