Il sottile confine tra maschile e femminile

30 settembre 2010 
<p>Il sottile confine tra maschile e femminile</p>
PHOTO GORUNWAY.COM

Dries Van Noten apre la sua sfilata con blazer oversize e pantaloni ampi. Come per la sua collezione invernale, la parola d'ordine è comodità: forme fluide, morbide e a tratti over. L'attitudine maschile di tagli e volumi, è però ben equilibrata dall'afflato tutto femminile delle fantasie floreali, della seta, dei trench-vestaglia, di alcuni pantaloni pigiama e abiti-sottoveste, del glitter e delle trasparenze.

Volumi ampi e forme morbide anche per la collezione di Rochas che trae ispirazione dalla semplicità chic dello stile svedese. Marco Zanini, direttore artistico della Maison, mette in scena colori spenti e linee fluide. I foulard di cotone a fantasia per coprire il capo, gli abiti a vita bassa azzurro sbiadito e viola intenso, i pantaloni al ginocchio indossati su top abbinati e bluse fanno pensare ad una vacanza in campagna (in Svezia!). L'ispirazione folcloristica si stempera però nella seconda metà della sfilata, tutta pigiami e abiti-sottoveste in raso e seta.

Controcorrente e originalissimo Gareth Pugh. Il principe pazzo della moda inglese ha scelto infatti di sostituire la sfilata con la proiezione su schermo gigante allo stadio di Paris Bercy di uno psichedelico film di 11 minuti. A catturare l'essenza dell'estetica futuristica di Pugh è stata Ruth Hogben, regista del team di Nick Knight e del suo ShowStudio. La domanda che ora si pongono stilisti e operatori del settore è: le sfilate verranno in futuro rimpiazzate da show virtuali online? Lo stilista ha definito "liberatorio" non doversi preoccupare della riuscita (con eventuali contrattempi) di una sfilata in diretta. E il video, già online, raggiungerà milioni di persone attraverso Internet.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).