Jimmy Choo loves Milano

14 ottobre 2010 
<p>Jimmy Choo loves Milano</p>

Jimmy Choo sceglie Milano per aprire il più grande flagship store dell'Europa continentale: questa settimana inaugurazione in grande stile, con un party che ha riunito i nomi che contano del fashion system.

Nella mappa dello shopping milanese deluxe c'è un nuovo indirizzo da segnare in agenda: si tratta della boutique Jimmy Choo, all'incrocio tra via Sant'Andrea e via Montenapoleone. Uno spazio di 232 metri quadri arredato come una boutique anni '40, tra specchi, cristalli e sofisticati accordi di tinte neutre.

I due livelli del flagship store presentano tutto l'universo Jimmy Choo: dalle celebri collezioni di calzature agli accessori, passando per la linea "basic" 24:7 e per le borse. Al piano inferiore è persino presente la prima Vip Room d'Europa: un salotto esclusivo dedicato alle consulenze personalizzate, alle spose a caccia della scarpina perfetta e alle celebrities in cerca di privacy.

La maestosa boutique è stata inaugurata con un party  che ha riunito importanti personalità del fashion system - tra cui il direttore di Vogue Italia, Franca Sozzani, e il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana Mario Boselli - per una serata tra glamour e solidarietà.

Jimmy Choo si è infatti alleato con "Dynamo Camp - A Hole in the Wall Camp", un'associazione non profit che organizza campi estivi per bambini con malattie croniche, a cui ha devoluto una parte degli incassi della serata.
Ma c'è di più: i bimbi di Dynamo Camp sono stati invitati a disegnare una scarpa con il supporto dell'illustratore Beppe Giacobbe. Il risultato sono stati quattordici bozzetti:  uno, selezionato nel corso del party d'inaugurazione, verrà ora prodotto e messo in vendita. E il ricavato sarà interamente destinato al supporto dell'ente benefico.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).