Per fare un albero ci vuole Timberland

20 ottobre 2010 
<p>Per fare un albero ci vuole Timberland</p>

È ora di piantarla: Timberland, in collaborazione con Legambiente, sosterrà il 21 ottobre la piantumazione di duemila nuovi alberi nell'Area Naturale Montorfano, alle porte di Milano.

Dopo il grande successo dell'Earth Day di aprile - nel corso del quale dipendenti, fornitori e  volontari si sono impegnati nella raccolta dei rifiuti dalle sponde del Lambro appena colpito dall'eco-disastro - Timberland torna a prendersi cura dell'ambiente, con un'iniziativa di ampio respiro. Giovedì 21 ottobre l'azienda sosterrà la piantumazione di duemila nuovi alberi nell'Area Naturale Montorfano di Melegnano, all'interno del Parco Agricolo Sud di Milano.

L'operazione, che proseguirà in novembre per arrivare a un totale di cinquemila nuove piante, è solo uno dei progetti in cui Timberland dà il suo contributo per mantenere viva la sua anima green. Il brand è infatti impegnato da anni a diffondere la filosofia eco, e s'impegna in prima persona per ridurre l'impatto ambientale dei suoi prodotti: nel 2007 è stata introdotta la linea Earthkeepers, che ogni stagione presenta capi innovativi realizzati utilizzando materiali di recupero o eco-compatibili.

Per questo Autunno/Inverno, la collezione comprende per lei il Cabot 2.0 Pull-On Boot, uno stivale costruito con materiali organici e riciclati e prodotto utilizzando energie rinnovabili. Per lui c'è invece il 2.0 Moc Toe Boot, progettato per essere disassemblato e riciclato fino al 50% al termine del suo utilizzo. E proprio questa calzatura è al centro della campagna pubblicitaria Nature Needs Heroes che richiama la necessità di sensibilizzare il pubblico verso il rispetto per la natura e un comportamento eco- friendly.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).