Il 4° giorno della Japan fashion week

22 ottobre 2010 
<p>Il 4° giorno della Japan fashion week</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Piove sul quarto giorno di Fashion Week a Tokyo, edizione Primavera-Estate 2011. Non solo all'aperto, il che sarebbe di stagione, e in qualche modo benvoluto in quanto permette alle ragazze di sfoggiare i loro stivali di gomma coloratissimi, ma anche all'interno della grande hall di Midtown a Roppongi, piovono bolle di sapone.

E' il fiabesco inizio della sfilata della signora Yukiko Hanai (a sinistra nella foto), una collezione in cui tutto, dalle acconciature vaporose ai vestiti dalle linee morbide, fa venire in mente l'aggettivo "arioso". Il pubblico astante è comunque very upper class, niente tipi strani ma tante signore eleganti, il che si riflette anche sullo stile poco frizzante degli abiti proposti.

Decisamente di altro avviso è Jazzkatze (a destra nella foto): geometrie severe e tagli particolari, dominanti i toni sobri del bianco e del grigio, i tocchi di colore dati da magnifiche collane fatte da tanti cerchi.. chissà se le vedremo sfoggiate da qualcuno la prossima primavera? Il dubbio è legittimo.. qui a Tokyo sembra che le sfilate servano poco per delineare i canoni della nuova stagione, come invece avviene spesso da noi in Europa.

E' vero piuttosto il contrario, sono gli stilisti ad essere condizionati da quelle che sono le vere passerelle di Tokyo: le strade. Omotesando, Shibuya, Harajuku, Shimokitazawa... ma anche quelle senza nomi famosi. Se ci si ferma ad osservare la gente che, rapida e indifferente, affolla le vie, c'è da non stancarsi mai di idee, colore e originalità.

La vita della metropoli scorre incondizionata, in parte incurante di quanto succede ma assolutamente sovrana per quanto riguarda i nuovi trend. Niente di più diverso dalla nostra Milano!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).