Ultimo giorno per la Japan Fashion Week

25 ottobre 2010 
<p>Ultimo giorno per la Japan Fashion Week</p>

Tutte le cose belle finiscono, l'undicesima Japan Fashion Week non poteva esentarsi da questa regola. Ieri è stato il canto del cigno per questa settimana visionaria che da un lato ci ha traghettato verso le fresche giornate autunnali e dall'altro ci ha consolato con immagini e sogni della prossima primavera/estate.

E' il momento di Theatre Products (foto a sinistra), brand dietro al quale si celano Akira Takeuchi e Tayuka Nakanishi, che come molti dei fashion designer giapponesi hanno iniziato lavorando per grandi marchi, infatti i due erano colleghi da Commes des Garcons. Il nome dice già tutto, il gusto del teatrale è ovunque: abiti, musiche,scenografia. I modelli appaiono e concludono la sfilata in scena, come un quadro vivente. Nella collezione dominano i toni naturali, chiari: panna, beige, marrone. Protagonisti sono i lunghi abiti semitrasparenti a balze, indossati da queste altere principesse metropolitane, contribuiscono all'allure romantica del marchio.

Chiude in bellezza Somarta (foto a destra), che nella sua collezione ripresenta varie versioni delle sue famigerate attillatissime tutine, diventate famose da quando Lady Gaga ha iniziato ad indossarle, insieme alle zeppe vertiginose senza  tacco. mi chiedo quanto possa essere precario l'equilibrio sopra di esse, ma per le modelle (e per Gaga, of course) non sembra essere un problema. Tessuti e colori metallizzati, pailettes, toni freddi. Dai leggins agli abitini è tutto un scintillio. Una linea futuristica, concettuale quanto poco funzionale, disegnata per stupire.. ovviamente riuscendoci.

Si spengono così i riflettori sulla settimana della moda di Tokyo, e se non ne avessimo abbastanza, possiamo ritornare laddove non si spegneranno mai: in mezzo alla gente, dove nascono le vere tendenze.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Anna 74 mesi fa

che meraviglia

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).