Risotto alla Dolce & Gabbana

12 novembre 2010 
<p>Risotto alla Dolce &amp; Gabbana</p>

Giochiamo al "Se fosse...": se Dolce & Gabbana fosse un piatto, quale sarebbe? Un doppio risotto, in bianco e nero! Parola di Sigrid Verbert, mente e penna del Cavoletto di Bruxelles, blog seguitissimo dalle appassionate di cucina, ma anche da food stylist e curiose.

Il progetto culinario-fashionista nasce poco tempo fa, quando Swide, rivista della maison, ha fatto esplicita richiesta alla blogger di dedicar loro una ricetta.
Il risultato, al contrario di ciò che si potrebbe aspettare da Dolce & Gabbana, è un piatto minimale che punta più sul concetto che sull'apparenza.

La Verbert ha preferito evitare tematiche prevedibili come l'oro, il leopardato, i lustrini; per concentrarsi sulle origini e sui i valori cardine dei due stilisti.
Il piatto è composto infatti da un risotto bianco al parmigiano, dalla provenienza settentrionale come Stefano Gabbana, e di uno al nero di seppia, meridionale come Domenico Dolce.

I colori sono molto evocativi: bianco e nero sono tinte caratteristiche nella storia delle loro creazioni, ma rappresentano anche due mondi opposti che si valorizzano l'un l'altro. Sul palato, la dolcezza del riso bianco si accompagna al gusto deciso di quello nero, creando un buon gioco di sapori.

Quanta poesia in questo risotto: nella sua semplicità, Sigrid Verbert è stata deliziosa come sempre.
Noi, dal canto nostro, prendiamo nota per la prossima cena tra fashion victim!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
francesca 73 mesi fa

PS intanto vado a comprare 1/2kg di carnaroli, con 2 hg di parmigiano e tre seppiloine col nero, vinho verde e......stasera si mangia, in religiosos silenzio e....senza ridere!!

francesca 73 mesi fa

....la cosa piú carina é che i giornalisti e i lettori (...chi piú tra i due gruppi?)danno e ricevono questo tipo di informazioni con una faccia sempre piú seriosa......:-))))

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).