Boutiques.com: arriva l'e-commerce di Google

17 novembre 2010 
<p>Boutiques.com: arriva l'e-commerce di Google</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

E' oggi il giorno di debutto di Boutiques.com, il negozio online di Google che venderà le migliori firme della moda.

Sai che novità - diranno in molti - di shop online ce ne sono già a migliaia. Ma poteva, un colosso dell'innovazione come Google, non sorprenderci in qualche modo?

La  vera novità di Boutiques.com sta nel fatto che non si tratterà semplicemente di un grande store multi-marca, ma bensì di uno spazio Web sul quale aziende, bloggers e personaggi influenti avranno i loro negozi virtuali.

D'ora in poi, sarà possibile fare un vero shopping online, nel quale la nostra ricerca non sarà legata necessariamente a un brand. Potremmo trovare un capo o un accessorio digitando uno stile, seguendo una blogger o copiando una celebrities (a proposito di celebrities: si mormora che Google abbia chiesto a due fashion icon come Sarah Jessica Parker e Katie Holmes di aprire i loro negozi su Boutique.com…).

In questo modo, cercando per esempio "Oscar de la Renta", Google rileverà oltre ai negozi già esistenti del brand, anche quelli presenti su Boutiques.com, i quali saranno curati da importanti personaggi del mondo fashion.

La logica è quella di promuovere lo shopping per l'utente e creato dall'utente. Magari, in futuro, ognuno di noi potrà aprire il proprio negozio virtuale, così come faranno aziende, blogger e icone fashion a partire da oggi.

Nell'attesa di aprire uno shop tutto nostro, girovaghiamo per i negozi delle esperte di stile e chissà quanti spunti potremmo trovare!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Ciao l'esperto in realtà la notizia è vera: http://googleblog.blogspot.com/2010/11/introducing-boutiques-new-way-to-shop.html

l esperto 73 mesi fa

Querta notizia é falsissima, é solo publicità al sito di e-commerce con cui Google non ha niente a che vedere!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).