The it-Princess

24 novembre 2010 
<p>The it-Princess</p>
PHOTO KIKA PRESS

Non erano passate nemmeno 24 ore dal fidanzamento ufficiale di William d'Inghilterra con la bella e borghese Kate Middleton, che già il mondo della moda reagiva alla notizia. Da giorni si specula su chi disegnerà l'abito da sposa (secondo British Vogue, Amanda Wakely è data per favorita); si analizza a fondo lo stile della futura Principessa; si fanno paragoni con la compianta Diana. Come la Principessa del Galles, Kate sfoggia lo stile sobrio ed elegante che si addice al suo ruolo, senza rinunciare a bizzarrie tipicamente British, come il cappellino abbinato al vestito tanto caro alla regina Elisabetta. Uno stile che potrebbe sembrare casual e naturale, ma che in realtà ci sembra studiato fin nei minimi particolari.

Fotografata e adorata in patria, Kate si è da tempo guadagnata gli appellativi di "icona di stile" e "sogno di ogni stilista". Ed ora che le nozze reali sono prossime (la data è stata fissata per il 29 aprile 2011), non possono esimersi da un giudizio nemmeno i Big della moda.
Come riporta il NY Magazine, per Valentino "Dovrebbe fare qualcosa con quei capelli … Per essere una futura regina non può tenerli così lunghi". Per Karl Lagerfeld: "è molto diversa dalla Principessa Diana, sembra equilibrata e felice. È chic nel modo in cui deve esserlo per la posizione che ricopre."

E intanto la famiglia reale ha affiancato a Kate una sorta di life coach, con il compito di prepararla ai doveri e allo stile di vita che il suo ruolo di Principessa (e futura regina) comporterà. Forse anche la meno felice e meno equilibrata Diana avrebbe avuto vita più semplice se si fossero preoccupati di fornire un aiuto anche a lei. Intanto la bella ed elegante Kate si aggiudica il titolo di It-Princess, anche se probabilmente non potrà mai prendere il posto di Diana nel cuore del popolo britannico.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).